Ascolta questo articolo

Pubblichiamo alcuni stralci dell’intervento inviatoci dal Consigliere Comunale Giannantonio Mazzi (Camminare insieme crescere insieme), e da lui letto in Consiglio Comunale lo scorso 17 febbraio a seguito della decisione di azzerare le Commissioni Consigliari.

 

Questa proposta anche se modifica solo il “Regolamento per la disciplina delle adunanze consiliari”, il quale Regolamento fa parte dei Regolamenti per funzionamento organi dell’ente, va di fatto a modificare il Regolamento Comunale. Non ritengo corretto, che da parte di chi ha in mano le leve del potere, questo venga fatto senza il consenso di larga parte di chi rappresenta i cittadini.

 

Oggi chi sta al potere nel Comune di Sona rappresenta poco più del 50 % dei cittadini, e solo grazie al premio di maggioranza riesce a stare a galla in questo marasma politico. Voglio ricordare a qualche componente della Giunta e del Consiglio Comunale, che a mio avviso ha dimenticato o confuso gli avvenimenti, che il nostro è ancora un paese democratico e che la rappresentanza ha un peso e un valore.

 

Il Consiglio Comunale può modificare le regole e i Regolamenti Consiliari solo se i ¾ almeno dei componenti del Consiglio Comunale è d’accordo. Non trovo corretto e francamente nemmeno onesto che chi detiene il 50% dei consensi possa abusare del potere che ha ottenuto.

 

Il premio di maggioranza che vi consente di reggere agevolmente in Consiglio Comunale non vi da il diritto di approfittare degli altri cittadini che rimangono comunque un altro buon 50%. Questa proposta la ritengo quindi iniqua, scorretta, antidemocratica anti libertaria, oscurantista.

 

Attenzione a questi atteggiamenti che sembrano fatti per far funzionare meglio la macchina comunale, attenzione perché: 1. Ciascun Gruppo ha diritto di avere un rappresentante in ciascuna Commissione; 2. Deve essere garantita una rappresentanza proporzionale; 3. Nel caso in cui i Gruppi in Consiglio siano molti, il numero dei componenti si deve elevare in modo tale da garantire una rappresentanza proporzionale alla consistenza dei Gruppi. Discuteremo poi caso per caso il funzionamento delle varie commissioni, non sta di fatto funzionando nulla comunque.

 

Non voglio credere, anche se ho avuto modo di sentire ciò da qualche rappresentante della maggioranza, che questa modifica al regolamento sia fatta solo per togliermi dalle commissioni, come di fatto avverrà se la proposta di modifica verrà approvata.

 

Pare che, per la Giunta, il fastidio nei miei confronti sia ormai insopportabile. Non lo trovo corretto nei miei confronti, sarebbe addirittura meschino, e poi non ne sarei degno, significa che si sta facendo una modifica “ad personam”, in questo caso dovrei addirittura non partecipare alle votazioni, non lo voglio credere ecco tutto.

 

Ma vediamo cosa succede se passa la modifica al regolamento. Le proposte successive, perché poi di infilata ci saranno le revoche e la nomina dei nuovi componenti delle commissioni, Adeguamento Statuto, PAT, Ecologia ed Ambiente, Scuola; vanno a formare commissioni di 6 rappresentanti, questo produrrà semplicemente il fatto che il mio Gruppo Consigliare “Crescere Insieme Camminare Insieme, Mazzi Giannantonio Sindaco per Sona” non avrà rappresentanti in nessuna commissione.

 

Lo ritengo semplicemente un abuso. Con la scusa di contenere le spese comunali, perché questo è il motivo ufficiale, si fa un dispetto al sottoscritto, lo si toglie dai piedi, scusatemi solo dalle commissioni. A guadagno di tempo, per il responsabile al bilancio, che mi pare in questo momento il Sindaco, ci tengo a far sapere che per il 2010 il sottoscritto ha percepito dal Comune di Sona, per le Adunate Consiliari e Commissioni, € 491,22 lorde e quindi al netto delle spese sono 371,86 €, pari signor Sindaco a 720.022 Lire. Poi occorre vedere se sono meritati o meno, certamente.

 

Non voglio entrare in merito a quanto hanno percepito invece i rappresentanti della maggioranza, per il duro lavoro svolto, sicuramente meritorio, però credo che lì si potrebbe raschiare di più il barile.

 

Ma torniamo alla proposta di delibera. Anche se comunque questa proposta fosse possibile tecnicamente, la ritengo indegna, un abuso di potere. Compito delle Commissioni è anche quello di confronto tra i Gruppi Consiliari, controllo di cosa sta combinando la Giunta.

 

Se la Giunta Comunale avverte un problema ad essere controllata significa che sta facendo qualche cosa che vale la pena di tenere nascosto, significa che c’è qualche cosa da nascondere.

 

Allora la decisione non può essere che una, lasciare questo banco, che sono venuto ad occupare perché con tanto di accordo scritto dichiaravate di essere quelli del fare, di voler cambiare le cose di guardare al futuro di programmare per il Comune di Sona un mondo migliore e tornare sui miei passi, perché questa è a mio avviso la strada sbagliata.

 

Voi rappresentate solamente la strada sbagliata.

 

Giannantonio Mazzi

Lista Civica Camminare Insieme Crescere Insieme