“Uno, undici, mille gialloblù”. L’AC Lugagnano celebra la sua storia

Ascolta questo articolo

Ottant’anni e non sentirli? No, anzi: volerli sentire, volerli ricordare! Con orgoglio, e assieme a tutto il paese.

 

La più antica Associazione sportiva di Lugagnano festeggia quest’anno una ricorrenza importante: non sono molte nemmeno a livello provinciale le Società che possono vantare una militanza così lunga. Correva infatti l’anno 1932 quando un gruppo di giovani appassionati di fùbal, sotto la guida dell’allora parroco don Garonzi, dava vita alla prima squadra di calcio organizzata. Allora rossocrociati, dopo la guerra e fino agli Anni Sessanta rossoneri, dagli Anni Settanta e fino ad oggi gialloblu: i colori del Lugagnano hanno calcato tutti i campi provinciali e regionali.

 

Una delle iniziative proposte ha un significato particolare e decisamente ambizioso: ricomporre la più grande formazione possibile del Lugagnano, per legarla ancor di più al paese di Lugagnano, raccogliendo le foto di tutte le squadre che si sono succedute in questi appassionati ottanta anni. Non solo le foto delle Prime squadre, si badi bene: certo, queste rappresentano il vertice dell’attività di qualsiasi associazione sportiva.

 

Ma qui si vuol proporre tutta la piramide della Società e quindi ecco il via alla raccolta di foto di qualsiasi formazione si sia schierata in campo con la maglia del Lugagnano, in qualunque categoria e in qualunque campionato o torneo. Il tutto con lo scopo di pubblicare un volume che raccolga appunto il Lugagnano di tutte le età e di tutti i tempi.

 
Tutti sono dunque invitati a portare le proprie foto di squadra che giacciono in qualche cassetto dimenticato inviadole a redazione@ilbacodaseta.org: contribuiranno così a realizzare un unico grande mosaico.

 

Ah già: e il titolo del libro? “Uno, undici, mille volti gialloblu”, perchè il maggior numero possibile di persone che ha indossato i colori di questa Società possa ricordare: “…anch’io ho giocato nel Lugagnano!”.