Una scuola per unire ed integrare: Nasce un progetto tra Comune di Sona e Accademia d’Arti Discanto di Sommacampagna

Ascolta questo articolo

Il Comune di Sona, in collaborazione con l’Accademia d’Arti Discanto di Sommacampagna, si sta apprestando a realizzare un progetto approvato dalla Regione Veneto che prenderà il nome “Identità e Memoria”, interventi di promozione, sostegno e valorizzazione della scuola veneta.

Tale progetto coinvolgerà le classi seconde della scuola primaria di Sona, Lugagnano e Palazzolo, la Casa di Riposo di Sommacampagna e di Lugagnano nonchè gli anziani del territorio.

Nella descrizione del progetto si sostiene che la nostra società è una società del cambiamento ed incrementa come non mai in passato, la diversità tra generazioni: modelli di vita, valori, prassi quotidiane, elementi su cui si basa la costruzione dell’identità culturale. Occorre quindi fare in modo che si riscoprano le ragioni dello stare insieme e i riferimenti di fondo che accumunano l’esistenza dell’uomo; la dimensione più adeguata per intervenire è quella del territorio dove è possibile coniugare il globale al locale, l’individuale al collettivo attraverso la creazione di una rete culturale e di vita.

Affiché un bambino sia consapevole della propria crescita ed in grado di realizzare autonomamente la sua identità, il suo progetto di vita, è necessario che faccia esperienza e che sia consapevole del patrimonio della memoria storica.

Gli obiettivi del progetto sono:
• promuovere e sostenere i valori condivisi della tradizione e svilupparli all’interno di nuovi scenari culturali in una prospettiva di mondialità;
• favorire la comunicazione e lo scambio intergenerazionale;
• promuovere cultura dell’integrazione con particolare attenzione alla diversa abilità;
• riscoprire le ragioni dello stare insieme;
• incrementare le possibilità di confronto e incontro tra giovani e anziani;

Il progetto prevede il lavoro con l’utilizzo di tutte le sinergie del territorio: storia, cultura, personaggi, tradizioni, avvenimenti locali, episodi di vita, stili di vita saranno recuperate ed ascoltate direttamente dalla voce degli anziani con particolare attenzione a coloro che sono ospiti di case di riposo. Per l’anziano, esprimere e condividere il suo vissuto è un’opportunità che lo può aiutare a migliorare la qualità della sua vita quotidiana.