Un paese di… barbari! Sempre parcheggio selvaggio a Lugagnano

Incredibile ma vero. Sembra ormai uso e consuetudine parcheggiare ovunque. Questo quanto emerge a Lugagnano dove, terra di nessuno e soprattutto… terra senza vigili, le macchine hanno il “diritto” di parcheggiare dove meglio ritengono, alla faccia dei pedoni, dei ciclisti e di quelle persone, ormai poche, che cercano un parcheggio regolare nelle opportune aree.

 

Giusto criticare la carente assenza di parcheggi; giusto evidenziare che Lugagnano ha completamente trascurato la viabilità e ha voluto “ritagliare” piccoli spazi per ciclisti e pedoni, ma non è più possibile accettare l’inciviltà di alcuni concittadini che, per un pacchetto di sigarette, per un giornale o per un spritz, lasciano l’auto in zone non consentite, incuranti della sicurezza altrui.

 

La critica va sicuramente mossa verso questi “barbari”, che vanno educati e civilizzati: ecco quindi la richiesta di aiuto ai vigili del Comune di Sona. Riteniamo che passare per il centro due volte al giorno, magari alle 12 e alle 18, educando a “suon di multe” coloro che non rispettano il codice stradale, avrebbe risvolti importanti: ridurre se non azzerare il parcheggio selvaggio; portare nelle casse del Comune soldi soprattutto di persone maleducate e poco attente; ridurre la pigrizia degli automobilisti sempre mal disposti a fare qualche in passo in più per una spesa o per una bibita; contribuire alla riduzione di chili aumentando il consumo di calorie per la passeggiata dal parcheggio regolare al luogo di destinazione…

 

Siamo convinti che così il problema si risolverebbe in fretta, alla radice, con buona soddisfazione di tutti, soprattutto di ciclisti e pedoni.