“Un nuovo spazio prezioso di cultura per la comunità”: Inaugurata la nuova biblioteca di Lugagnano

Venerdì 17 giugno finalmente è stata inaugurata la nuova biblioteca di Lugagnano, lungamente attesa dagli abitanti della frazione che hanno partecipato numerosi. E dopo tutte le peripezie la data non era certo di buon auspicio, ma al contrario di quanto la scaramanzia potesse suggerire tutto è andato bene.

Presentatore e moderatore d’eccezione l’assessore alle manutenzioni (tra le altre) Roberto Merzi, che ha innanzitutto ringraziato tutti quelli che hanno reso possibile la realizzazione di questi spazi di cui Lugagnano sentiva il bisogno da molti anni. È stato uno sforzo corale che ha coinvolto vari uffici e assessorati del Comune per la progettazione, il finanziamento fino alla realizzazione ed infine l’allestimento delle tre aule che compongono la biblioteca.

Sono intervenuti il consigliere Paolo Bellotti per una descrizione dei lavori svolti e l’assessore Gianmichele Bianco per sottolineare l’importanza della cultura, tema ripreso poi anche dal sindaco Gianluigi Mazzi nei suoi saluti finali

Il sindaco ha anche sottolineato l’importanza del lavoro che il Comune di Sona sta portando avanti per ampliare gli spazi a disposizione della comunità: il 2 giugno con l’inaugurazione della nuova piazza di Palazzolo, ora la biblioteca e sabato prossimo le nuove aree dedicate alle associazioni presso la Casa di Alice a Lugagnano.

Visibilmente emozionata la dottoressa Raffaella Tessaro, responsabile del settore cultura, che lavora nel nostro Comune da parecchi anni con passione e dedizione e che andiamo ad intervistare sul prossimo numero della nostra rivista in edicola da sabato 2 luglio.

La dottoressa Tessaro ha ripercorso la storia della sala lettura, che da uno spazio all’interno delle medie Anna Frank è stata poi trasferita nella stanza sopra l’anagrafe dove ormai era da quasi trent’anni. Ha, poi, lasciato la parola ad una non meno emozionata Irene Canzan, storica bibliotecaria conosciuta e amata da tutti i frequentatori della piccola sala lettura, orgogliosa di poter finalmente chiamare questi nuovi spazi: biblioteca.

La dottoressa Raffaella Tessaro.

Prima di procedere con la visita interna, dove i bambini sono stati intrattenuti da una lettura animata, il docente di biblioterapia dell’Università Popolare di Sona (altro nostro fiore all’occhiello) Marco Dalla Valle ha letto alcuni brani evocativi della bellezza della lettura e dei libri tratti da testi di Daniel Pennac ed una poesia di Emily Dickinson accompagnato dal suono magico dell’arpa suonata dal musicista Emiliano Martinelli.

L’arpa, il più antico degli strumenti cordofoni deriva dall’arco usato in battaglia nell’antichità. Strumento di guerra trasformato in strumento di pace e di bellezza, come speriamo che questi nuovi spazi, insieme ai libri e alla cultura possano portare bellezza alla nostra comunità.

C’è bisogno di bellezza intesa come buoni sentimenti, buone relazioni, buona vita in generale e la cultura è un elemento fondamentale per formare buoni cittadini. Speriamo che con questa nuova biblioteca si possa dare slancio e stimolo a tante nuove iniziative per tutte le fasce di età dai più piccoli fino agli anziani.

La biblioteca, che si trova in via A. De Gasperi 13, al piano terra della scuola elementare Silvio Pellico con ingresso autonomo e con rampa accessibile a carrozzelle e persone con difficoltà motorie (ma anche a mamme con bambini piccoli poiché non è mai troppo presto per accostarsi alla lettura!) è aperta nei giorni di martedì dalle 9 alle 13 ed il mercoledì ed il venerdì dalle 14,30-18,30 con la speranza di ampliare presto i giorni e gli orari di apertura.

Questo nuovo spazio pubblico ha comportato un investimento pari a 150.000 euro ed è composto, al momento, da tre locali che ospitano l’ingresso con l’area bimbi, la sala digitale con i PC e la vera e propria sala lettura, per un totale di 130 mq. ampliabili per le future esigenze di centro culturale. Tutte le pareti sono allestite con scaffalature occupate da libri e l’area è dotata di wi-fi gratuito.

Da ricordare, inoltre, che la biblioteca di Sona-Lugagnano fa parte del circuito del Sistema Bibliotecario Provinciale di Verona per cui si possono ritirare direttamente nella propria biblioteca libri da tutte le biblioteche della provincia di Verona aderenti al circuito prenotati oltre che in biblioteca anche dal sito sbpvr.comperio.it o biblioteca.comune.sona.vr.it accedendo con le credenziali della propria tessera della biblioteca.

Per orari, novità ed iniziative è anche possibile consultare la pagina Facebook della biblioteca. Siamo ovviamente tutti invitati a frequentare fisicamente la biblioteca per assaporare il profumo dei libri, come ha ricordato il sindaco Mazzi, che nessun tablet potrà mai sostituire come una chiacchiera ed un sorriso.

Le foto del servizio sono di Mario Pachera.