Un milione di euro per promuovere il territorio all’estero. Nel progetto anche Sona

L’area del Garda veronese presenta delle assolute eccellenze in termini di paesaggi, di percorsi, di ambiente, di arte e cultura e di enogastronomia. Un immenso tesoro turistico che aspetta ancora di essere pienamente valorizzato.

E’ questo il ragionamento che sta alla base del progetto che partirà il prossimo anno, un Piano di marketing concertato e condiviso di sviluppo, promozione e commercializzazione del turismo. Con fondi per poterlo realizzare.

A fare lo sforzo finanziario maggiore sarà la Camera di Commercio di Verona, che svolge il ruolo di Destination Management Organization, e che per questo progetto ha già deliberato lo stanziamento di 250mila euro.

A sostegno di questa iniziativa strategica anche i diciannove Comuni del comprensorio, da Affi a Valeggio passando per Bardolino, Brenzone, Bussolengo, Caprino, Castelnuovo, Cavaion, Costermano, Ferrara di Montebaldo, Garda, Lazise, Malcesine, Pastrengo, Peschiera, Rivoli, San Zeno di Montagna e Torri del Benaco. Oltre ovviamente al Comune di Sona. I diciannove Comuni verseranno 6 centesimi per ogni euro di tassa di soggiorno 2015, per un ammontare di ben 723.572 euro che uniti a quanto stanziato dalla Camera di Commercio portano la cifra disponibile a quasi un milione.

Altri 300mila sono stati richiesti alla Regione Veneto dal Consorzio “Lago di Garda Veneto”, autore del piano di marketing e soggetto che lavora per superare la frammentazione della promozione e favorire sinergie finalizzate a coinvolgere l’intero bacino Garda-Baldo.

Il piano prevede di rafforzare la conoscenza dei diciannove Comuni in Paesi tradizionali clienti del nostro territorio quali Germania, Austria, Belgio e Regno Unito.

Nella foto la bellissima Pieve di Santa Giustina a Palazzolo (Foto Davide Rudari)