Un libro per Natale. Undici consigli per trovare il regalo giusto in libreria

Mancano pochi giorni a Natale e inizia la frenesia per decidere cosa regalare alle persone care. Ecco, dunque, qualche consiglio su recenti uscite (ma non solo) per chi volesse fare un dono ad un amico o ad un familiare amante della lettura. E dato che non è facile scegliere il titolo adatto, specifichiamo anche a quale categoria di lettori potrebbe interessare.

Alessia Gazzola è tornata da pochissimo in libreria con “Arabesque”, la nuova avventura in giallo del medico legale Alice Allevi. Dopo il grande successo de “L’allieva”, nel 2011, sono seguiti ben sei romanzi; nell’ultimo la dottoressa ha completato la specializzazione in Medicina Legale e si vede affidare dal Pubblico Ministero un caso legato al mondo della danza. I gialli con protagonista Alice Allevi non annoiano mai, anche perché, accanto ai casi da risolvere, la protagonista ci rende partecipi della sua vita privata, piuttosto movimentata. Una lettura perfetta per l’amica che ha voglia di leggerezza, che ha letto tutti i precedenti volumi della serie o che ha seguito la serie tv.

Per i fan di J.K.Rowling è uscito a metà novembre “Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione”, che è la traduzione italiana di un suo discorso tenuto ai neo-laureati ad Harvard. In questo breve volumetto la mamma del maghetto più celebre al mondo si mette a nudo, raccontando la sua esperienza personale, la caparbietà con cui ha inseguito il suo sogno di diventare scrittrice, il suo rapporto col fallimento. La Rowling sostiene che avere il coraggio di fallire sia fondamentale per poter avere una “buona vita”. Un regalo prezioso per un amico che sta cercando di dare una svolta alla propria vita, che ha bisogno di un’iniezione di speranza.

E’ uscita da pochissimo per Sellerio “Capodanno in giallo”, una raccolta di dodici racconti che hanno al centro gli investigatori protagonisti dei gialli italiani e stranieri più amati degli ultimi anni: Montalbano di Andrea Camilleri, Rocco Schiavone di Andrea Manzini, i vecchietti del BarLume di Marco Malvaldi, Petra Delicado di Alicia Gimenez Barlett e molti altri. Regalo perfetto per un amante dei polizieschi. (I libri della Sellerio, tra l’altro, non serve nemmeno incartarli: hanno copertine così sobrie ed eleganti che basta un nastro rosso per esaltarne la bellezza.)

Se in famiglia avete un appassionato di storia, il regalo sarà per forza il libro di Alfio Caruso, che ricorda, a cento anni di distanza, la disfatta di Caporetto: “Caporetto. L’Italia salvata dai ragazzi senza nome”. L’autore ripercorre in questo libro quei giorni terribili, in cui un numero enorme di giovani di umili origini venne mandato al massacro, attraverso tanti dati, dettagliate descrizioni e il ritratto dei protagonisti.

All’amico che non si perde un romanzo di Stephen King e che è stato tra i primi ad accaparrarsi il posto quando è uscito “It” nelle sale cinematografiche, sicuramente farà piacere ricevere l’ultimo romanzo del prolifico scrittore americano: “Sleeping beauties”. Tale romanzo ha una particolarità: è stato scritto dal Re insieme al figlio Owen.

“La ferrovia sotterranea” di Colson Whitehead, vincitore del Premio Pulitzer 2017 e del National Book Award, è sicuramente il dono adatto per qualsiasi lettore ami la letteratura americana e più in generale le vicende che toccano il tema dei diritti umani, in quanto mette al centro una storia di schiavitù al femminile.

All’amico escursionista e amante della natura non potrà non piacere “Le otto montagne” di Paolo Cognetti, l’ultimo (e meritatissimo) Premio Strega. La vicenda raccontata dall’autore è ambientata ai piedi del Monte Rosa, dove si intrecciano le vicende di due giovani innamorati delle cime e dei boschi. Se l’amico in questione dovesse aver già letto ed apprezzato “Le otto montagne”, lo si può accontentare ugualmente: è stato appena ripubblicato un breve volume autobiografico dello stesso autore, “Il ragazzo selvatico”, in cui Cognetti racconta quali sono le ragioni che lo hanno spinto a lasciare Milano e trasferirsi in Val d’Aosta.

Isabel Allende, l’amatissima scrittrice cilena de “La casa degli spiriti”, è tornata puntuale in libreria con “Oltre l’inverno”, un romanzo che affronta i temi, molto attuali, dell’identità e dell’immigrazione. Sicuramente un dono gradito per gli amanti della letteratura sudamericana.

E’ stata pubblicata da poco anche l’ultima fatica del famosissimo fumettista Zerocalcare, pseudonimo di Michele Rech.  “Macerie prime” mette davanti alle domande difficili che l’uomo si pone e a cui tenta di dare una risposta quando diventa adulto. Sicuramente imperdibile per chi apprezza il genere della graphic novel di qualità.

Non è facile orientarsi nella selva delle copertine luccicanti, esposte sugli scaffali in gran quantità durante il periodo natalizio, e scegliere il titolo giusto, ma, quando ciò avviene, la soddisfazione è grande. Non c’è niente di più gratificante, infatti, che donare la storia giusta nel momento giusto.

A Natale, anche di più.