Ascolta questo articolo

Come già avevamo già scritto, la tormentata vicenda dell’assegnazione della gestione del circolo del tennis di Lugagnano sembra sempre più lontana dal trovare una conclusione.

 

La novità di questi giorni è il provvedimento con il quale il Presidente del Tribunale di Verona ha disposto la sospensione di quanto deciso dal giudice lo scorso 4 agosto.

 

In quella data infatti il giudice Claudia Dal Martello aveva emesso l’ordinanza n. 7691/12 con la quale ordinava al Comune di Sona di reintegrare immediatamente l’Associazione Tennis Lugagnano nella detenzione dell’impianto sportivo e condannava il Comune di Sona, e l’A.S.D. Tennis Club Sporting Lugagnano in solido, a rifondere le spese di questa fase di contenzioso in favore dell’Associazione Tennis Lugagnano.

 

Ora invece la nuova marcia indietro, con appunto la sospensione di quella ordinanza per evitare il verificarsi di una situazione che il Presidente del Tribunale ritiene non gestibile.

 
Quindi chiavi non riconsegnate e tutto rimandato al 28 settembre prossimo, quando davanti ad un collegio formato da tre giudici si inizierà – superate le questioni formali – ad entrare realmente nel merito della vicenda. A meno che prima di quella data non vi siano da registrare altre novità.