TAV a Sona: Lavori notturni in località Betlemme per lo spostamento del canale di irrigazione

Negli scorsi giorni sono iniziati a Lugagnano, in località Betlemme, i lavori per lo spostamento del canale di irrigazione in previsione della realizzazione della nuova infrastruttura per il passaggio della linea TAV Brescia-Verona sul territorio del Comune di Sona.

Questo intervento sta creando non pochi problemi per i residenti in quanto, per permettere la realizzazione dei pali del futuro tombino idraulico IN77, Ferrovie dello Stato deve obbligatoriamente fermare e modificare il traffico ferroviario nella zona della linea storica in prossimità di Via Betlemme e quindi i lavori possono essere eseguiti solo la notte.

Cepav, il general contractor dell’opera, ha scritto ai residenti nella zona per informare dei lavori e della conseguente deroga al rumore per attività notturne. I lavori sono stati eseguiti nelle notti dal 26 al 29 ottobre e procedono nelle notti dal 2 al 5 novembre, dal 9 all’11 novembre e dal 17 al 19 novembre.

La questione sta creando qualche malumore, soprattutto per i rumori notturni e per il passaggio di mezzi pesanti, tanto da costringere ad intervenire il Sindaco Mazzi.

“Ricevuta la richiesta da parte di Cepav – spiega Mazzi al Baco -, ho voluto subito bloccare l’intervento affinché prima l’operazione venisse comunicata e illustrata sia al Comune che e ai residenti della zona. Ho anche tentato di far spostare gli interventi affinché si tenessero non in notturna ma durante il giorno, ma purtroppo RFI non lo permette per l’interferenza che si andrebbe a creare tra i lavori ed il traffico ferroviario. E nemmeno i lavori potevano essere spostati in avanti nel tempo per le esigenze del Consorzio di Bonifica Veronese, che ad aprile deve poter riaprire in piena efficienza l’irrigazione”.

“Abbiamo quindi accettato l’avvio dei lavori – prosegue il Sindaco – a condizione di ridurre i giorni di intervento, cosa che è avvenuta nella programmazione. Abbiamo inoltre chiesto a Cepav di predisporre delle barriere e degli accorgimenti acustici per ridurre, per quanto possibile, i decibel notturni “.

“L’Ing. Germani, responsabile dei cantieri, ha provveduto a comunicare anche attraverso una lettera recapitata a casa, di quanto sarebbe accaduto, trovando comprensione da parte delle famiglie residenti nell’area. Io stesso – indica Mazzi – ho contattato alcuni residenti, che hanno compreso il disagio che si sarebbe provocato e mi hanno tranquillizzato nelle mie preoccupazioni nei confronti del sonno notturno: ‘i lavori vanno fatti’, mi hanno risposto!”.

“Ho ricevuto infine delle segnalazioni, accompagnate anche da pesanti lamentele, in merito al passaggio dei mezzi pesanti su via Betlemme – conclude il Sindaco di Sona -: mi dispiace ma non era possibile fare altrimenti per raggiungere il cantiere. Evidenzio che a breve i lavori più rumorosi e notturni relativi allo spostamento del canale e il passaggio sotto la ferrovia saranno finiti, e riprenderanno le attività diurne che sicuramente sono meno impattanti sotto il profilo del disturbo acustico”.

Nella sezione speciale del nostro sito dedicata proprio alla realizzazione della TAV a Sona è possibile restare sempre informati su ogni novità che interessa direttamente il nostro territorio.