TAV a Sona: ecco le piante dei cantieri e delle aree tecniche sul nostro territorio

Uno dei problemi più sentiti in merito al passaggio della TAV nel nostro territorio è l’insediamento per lungo tempo (si arriva a parlare di sette anni) di cantieri ed aree tecniche che potrebbero avere un forte impatto anche in termini di passaggio di mezzi pesanti.

Il sito del Ministero dell’Ambiente – all’interno della procedura VIA Valutazione di Impatto Ambientale – ha pubblicato le cartografie dei siti dove andranno ad insediarsi quei cantieri nella tratta Brescia-Verona.

Come ci ha fatto notare un nostro attento lettore, Adriano, contrariamente a quanto era presente nella precedente progettazione non è più previsto a Lugagnano un cantiere a nord della ferrovia, nell’area che dalla località Bellona porta fino alla rotonda di via Capitello.

In quella zona (a scavalco della ferrovia) sono previste – come si può vedere nell’immagine sopra – un’area tecnica (colore giallo) e di stoccaggio (colore viola). Altre aree analoghe sono previste lungo tutta la tratta, da San Giorgio in poi. Anche le aree tecniche e di stoccaggio creeranno complicazioni analoghe a quelle dei cantieri.

Un ampio cantiere operativo è invece previsto sul territorio di Sommacampagna a sud della ferrovia, nella zona tra via Betlemme e via Stazione (colore giallo nell’immagine qui sotto).

Di questa e di altre questioni inerenti il passaggio dei treni ad alta velocità nel territorio di Sona si parlerà nell’assemblea pubblica indetta dall’Amministrazione Comunale per mercoledì 15 ottobre alle ore 20.45 sotto le scuole medie di Lugagnano.

Le due mappe originali inerenti i cantieri e le aree tecniche che verranno insediati sul nostro territorio sono consultabili e scaricabili in formato PDF cliccando qui sotto:

TRATTA SAN GIORGIO – LUGAGNANO

TRATTA LUGAGNANO – VERONA