Sviluppi nel delitto Meche dall’analisi del DNA

Nuovi sviluppi nella vicenda dell’assassinio di Luigi Meche e della moglie Luciana Rambaldo lo scorso 23 aprile nella loro villetta di via Tirso a Lugagnano.

Martedì 13 gennaio si è tenuto l’incidente probatorio, ed in udienza davanti al Gip Sandro Sperandio sono state ufficializzate le risposte dei RIS secondo le quali sotto le unghie della Rambaldo sono state trovate proprio tracce del DNA del romeno Claudio Stoleru, arrestato dopo il delitto e che presentava infatti segni di profonde unghiate sul petto.

Segni che fino a martedì non era però possibile attribuire in maniera certa anche se i dubbi degli inquirenti sulla ricostruzione del romeno erano molti.

Tracce ematiche della donna sono state trovate anche fuori dalla camera da letto dove è stata uccisa, permettendo di presumere che la Rambaldo sia stata prima aggredita altrove e poi trascinata in camera. Dell’assassinio di Luciana Stoleru si era sempre proclamato innocente, mentre aveva ammesso l’assassinio di Luigi Meche “perché – ha dichiarato – non ce la facevo più a reggere le sue sempre più insistenti richieste a sfondo sessuale”.

Per chiudere l’inchiesta ora manca solo il deposito della perizia psichiatrica sullo Stoleru, al termine della quale la ricostruzione della terribile vicenda sarà completa.

Articolo precedenteUndicesimo Memorial Paolo Turri per il Tamburello femminile di Palazzolo
Articolo successivoL’Amministrazione approvato Il piano sicurezza per le frazioni del Comune di Sona
Nato nel 1969, risiede da sempre a Lugagnano. Sposato con Stefania, ha due figli. Molti gli anni di volontariato sul territorio e con AIBI. Nella primavera del 2000 è tra i fondatori del Baco, di cui è Direttore Responsabile. E' giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Veneto. Nel tempo libero suona (male) la batteria.