Sun Oil tra Lugagnano e Sona: una bomba ecologica pagata dai cittadini

La vicenda della Sun Oil, il sito contenente i giganteschi bidoni (nella foto) posto proprio a ridosso della Grande Mela, tra Lugagnano e Sona, si trascina pericolosamente da molti anni, e ha impegnato tutte le ultime Amministrazioni comunali che si sono succedute a Sona.

In quei bidoni – sotto sequestro addirittura dal 2006 per gestione non autorizzata di rifiuti – rimangono ancora ben 28 mila metri cubi di rifiuti potenzialmente pericolosi, quasi completamente allo stato liquido. E per la sola custodia (dal 2007 custode giudiziario è stato nominato il Sindaco) il Comune di Sona, e quindi i cittadini di Lugagnano, Palazzolo, San Giorgio e Sona, paga ogni anno più di 65mila euro. Una cifra enorme, che potrebbe essere investita in attività e progetti ben più importanti per la comunità.

Negli anni molti sono stati i tentativi di risolvere la questione. Tra gli altri si ricorda la trattativa per cedere l’area all’Università di Verona, che avrebbe potuto costruire un campus dopo aver bonificato il sito. O l’idea, nata durante l’Amministrazione del Sindaco Tomelleri, di creare su quel sito addirittura un nuovo polo ospedaliero. Tutti tentativi purtroppo falliti, soprattutto per le spese di bonifica e ripristino che appaiono proibitive. Un dissequestro parziale del sito si era avuto nel 2008, nonostante il parere contrario del Sindaco Gualtiero Mazzi.

L’ultimo sviluppo di questo annoso (e pericoloso) problema è la lettera che il Sindaco Gianluigi Mazzi ha scritto a vari enti, tra i quali il Governo, la Regione del Veneto e la Provincia di Verona. Nella lettera il Sindaco sottolinea le ristrettezze di bilancio, che rendono assai difficile sostenere la spesa necessaria al mantenimento in sicurezza dell’area.

Impressionante è il conto di quanto speso dal Comune per custodire il sito: dal 2006 al 2013 sono usciti dalle casse comunali più di 460mila euro. Costi inerenti la vigilanza, il controllo, la fornitura di energia elettrica e l’invio a smaltimento dei rifiuti ancora stoccati nell’area.

Nella sua lettera il Sindaco chiede che ogni ente interpellato si assuma le proprie responsabilità e contribuisca all’enorme spesa che deve sostenere il Comune. Sperando di riuscire pian piano a liberare il sito e a bonificarlo. Non secondarie sono infatti le grandi preoccupazione inerenti il materiale stoccato in quei bidoni, già in passato non era mancato qualche allarme per presunte perdite nella falda.

La Redazione
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews