Ci siamo anche noi della Barlottini. A Lugagnano è già tempo di dare una spolveratina alle bici per l’inizio della nuova stagione che per i più piccoli sta per cominciare. Si sono presentati con l’entusiasmo dei giovani e con la grinta di chi vuole essere protagonista i ragazzi con la tradizionale casacca dai colori rosso-giallo-nero marchiata Dnc.

 

Una società arrivata al sesto anno di attività che mette in sella una ventina di ragazzi, soprattutto giovanissimi, ma che viene da lontano, dalla passione per il ciclismo di Assuero Barlottini. Alla presentazione non hanno voluto mancare le figlie di Barlottini, Italia e Mara, l’ex campione del mondo Severino Andreoli, uno degli sponsor Aldo Faustini e il presidente del comitato provinciale della federazione Gianluca Liber.

 

“Di anno in anno – ha spiegato nel suo saluto il presidente della società Luca Foronisiamo cresciuti con l’arrivo di nuovi mini corridori provenienti quasi tutti dal nostro territorio che si sono avvicinati al ciclismo con entusiasmo. Quest’anno siamo presenti in tre categorie: giovanissimi, esordienti ed allievi. L’auspicio è che i nostri ragazzi, come in passato, si distinguano soprattutto per la loro correttezza e lealtà sportiva. Un ringraziamento va ai genitori, agli sponsor, ai direttori sportivi che hanno sempre seguito i nostri ragazzi con passione". 

 

Anche quest’anno la società, grazie all’aiuto e alla passione dei tanti volontari, organizzerà tre gare. Questi i ragazzi al via nella categoria giovanissimi: Tommaso Venturi, Matteo Liber, Gabriele Rudari, Fabio Mattioli, Federico Girelli, Alessandro Marcolini, Riccardo COrciulo, Carmine Passerini, Matteo Caliari e Giacomo De Ioris, che saranno seguiti dai diesse: Andrea Brusco, Sergio Battaglia, Igino Corradini e Nicola Zuliani.

 

Esordienti: Cristian Baietta, Nicolò Bassan, Massimiliano Girelli e Christian Mazzi che saranno seguiti dal diesse: Silvano Foroni. Allievi: Marco Bertasini e Diego Stanghellini che correranno agli ordini di Antonio Liber.

 

Direttori di corsa Luca Foroni e Diego Turrini.