Sospensiva per la riapertura della discarica Cà di Capri. Santinato: “Soddisfatti, ma la partita è ancora aperta”

In seguito alla recente pubblicazione della decisione della sezione terza del TAR Veneto relativamente alla sospensione della delibera della Giunta del Governatore Zaia sulla riapertura della  Cà di Capri a Lugagnano (LEGGI IL SERVIZIO), abbiamo chiesto un commento a Lucio Santinato (nella foto), portavoce del Comitato Cittadini che da sempre si occupa della spinosa vicenda della discarica.

Lucio SantinatoCon ordinanza n. 655 del 14/12/2016, il TAR Veneto ha accolto l’istanza cautelare del Comitato sospendendo l’efficacia dei provvedimenti regionali in favore di Rotamfer fino all’udienza pubblica di aprile.
Siamo molto soddisfatti di veder riconosciute, ancora una volta, le ragioni del comitato e di Legambiente. – spiega Santinato  La contrarietà al progetto di Rotamfer trova ragione nella necessità, vera e seria, di messa in sicurezza della discarica di Ca di Capri e ciò può avvenire solo con rifiuti inerti e vietando il car fluff.
Condividiamo questo primo risultato positivo con il Comune di Sona che, questa volta, ci ha saggiamente seguito nel ricorso e non si è tirato indietro come è invece era accaduto nel 2014. Questa sinergia è indubbiamente importante per sperare in una positiva soluzione di questo annoso problema.
Ma la partita è ancora aperta – conclude Lucio Santinato – e nulla può essere dato per scontato, quindi non si può abbassare la guardia, tuttavia questo è un primo importante passo verso il riconoscimento della primaria tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini.

Il procedimento vero e proprio presso il TAR del Veneto prenderà il via il prossimo 20 aprile. Nel frattempo la discarica rimane chiusa.

Gianmaria Busatta
Nato nel 1994 e originario di Lugagnano, scrive per il Baco dal 2013. Con l'impronta del liceo classico e due lauree in economia, ora lavora con numeri e bilanci presso una società di servizi. Nel (poco) tempo libero segue con passione la politica e la finanza e non manca al suo inderogabile appuntamento con i nuovi film al cinema (almeno) due volte a settimana. E' giornalista pubblicista iscritto all'ordine dei giornalisti del Veneto.