Sos Sona, un importante premio alla qualità

La speranza è quella di non averne mai bisogno. Ma quando succede, fondamentale è che la squadra di soccorso sia efficiente e qualificata, con un’ottima organizzazione alle spalle, attrezzature nuove e funzionali. È l’obiettivo raggiunto da Sos Servizio operativo sanitario, di Sona; un’associazione di primo soccorso nata negli anni ’90 con l’obiettivo sopperire alla carenza sul territorio di assistenza sanitaria extraospedaliera, soprattutto legata all’emergenza.

Ad affermare ufficialmente l’eccellenza di questa associazione, che oggi conta 4 ambulanze e due mezzi e un Punto medico avanzato per la protezione civile è l’Istituto italiano della donazione. Sos Sona è, infatti, la prima realtà associativa di Verona e provincia ad ottenere l’ambito marchio; che per i cittadini si traduce in garanzia di efficienza, qualità e trasparenza.

E per i volontari dell’Sos Sona rappresenta un prestigioso riconoscimento, costato quasi un anno di lavoro. Già, perché l’iter per ottenere il Marchio di eccellenza rilasciato dall’Iid è lungo e complesso. Ed estremamente rigoroso in ogni suo passaggio. Ne sa qualcosa Alfredo Cottini, responsabile delle pubbliche relazioni di Sos Sona, che ha personalmente seguito, in sinergia con il gruppo di soci, ogni passo del lungo percorso. “L’iter è iniziato dopo che abbiamo ricevuto una comunicazione del Csv, Centro servizio per il volontariato, in cui si promuoveva la Carta della donazione”.

Un tema su cui il Csv nell’ ultimo periodo sta puntando molto, seguendo la convinzione che un’assoluta trasparenza nella raccolta fondi, nel loro utilizzo e nei bilanci, si traduce in una maggior fiducia dei donatori che, se conoscono il modo in cui viene impiegato ogni singolo euro, sono più invogliati a destinarlo.