SOS di Sona: Giordano Cordioli è il nuovo presidente, subentra a Pierluigi Briggi che diventa suo vice

Trova finalmente soluzione la crisi che aveva investito il SOS lo scorso ottobre, quando era giunta inaspettata la notizia delle dimissioni del presidente e del direttivo dell’associazione, dopo appena sei mesi dal loro insediamento.

Poco o nulla era trapelato sui motivi reali di quella decisione, tanto che in una lettera inviata all’Ulss 9 e al sindaco di Sona l’associazione scriveva: “Le motivazioni che hanno portato alle dimissioni dell’attuale direttivo sono e devono rimanere affari interni e gestite e condivise tra direttivo appunto e assemblea dei soci”.

In realtà, la vicenda ha invece piena rilevanza pubblica, e non può restare un affare solo interno, proprio per il ruolo assolutamente strategico che il SOS Sona riveste sul territorio veronese e per i contributi che movimenta per i servizi che svolge.

Come si diceva, ora dopo circa due mesi sembra che l’associazione abbia ritrovato la quadra, grazie ad una lunga opera di mediazione tra le anime differenti che la compongono.

Il 30 novembre scorso è andata a buon fine l’elezione del nuovo direttivo, che ha visto la conferma di cinque dei sette componenti dell’organo dimissionario, cioè l’ex presidente Briggi e l’ex vicepresidente Cordioli. Oltre a loro, confermati Marchiotto, Cottini, Pinter e Sperotto. Nuovi ingressi sono invece quelli di Olivieri, Spada e Cavallini.

Dopo le consultazioni interne, negli scorsi giorni sono arrivate anche le nomine per gli incarichi direttivi. Giordano Cordioli (nella foto) è il nuovo presidente e Pierluigi Briggi il vicepresidente. I due si scambiano, pertanto, gli incarichi.

Briggi lascia il ruolo di presidente del SOS dopo otto anni di incarico, nei quali ha sempre saputo dimostrare grandi capacità di condurre e far crescere l’associazione attraverso mari assai complessi e turbolenti, anche durante questa pandemia. Una presidenza, la sua, che certamente ha lasciato un segno indelebile nella storia del SOS.

Nuovo segretario diventa Margherita Marchiotto e nuovo tesoriere Nicola Cavallini. La responsabilità dell’area trasporti sociali va a Fabio Pinter, della protezione civile a Bruno Sperotto, dell’area sanitaria a Mario Olivieri, delle pubbliche relazioni, comunicazione, personale dipendente e collaboratori ad Alfredo Cottini, dei soci a Silvio Spada.

Vengono, infine, ereditate e confermate dal precedente direttivo alcune cariche assegnate a figure esterne: il direttore sanitario sarà il Dott. Alessandro Tacchella mentre sarà Andrea Frigo il responsabile del servizio prevenzione e protezione.

Nato nel 1969, risiede da sempre a Lugagnano. Sposato con Stefania, ha due figli. Molti gli anni di volontariato sul territorio e con AIBI. Nella primavera del 2000 è tra i fondatori del Baco, di cui è Direttore Responsabile. E' giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Veneto. Nel tempo libero suona (male) la batteria.