SOS di Sona: che festa per i dieci anni della protezione civile e la nuova ambulanza

“Due giorni stupendamente intensi. Di quelli da ricordare con grande emozione negli anni futuri”. Con queste parole dal SOS di Sona commentano con grande soddisfazione il grande evento tenutosi a San Giorgio sabato 4 e domenica 5 scorsi per i dieci anni del locale nucleo della Protezione Civile e l’inaugurazione della nuova ambulanza.

La due giorni ha preso il via sabato 4 con la Protezione Civile impegnata a dare bella mostra di sé. Sono state esposte tutte le attrezzature in dotazione, rendendole visitabili ai numerosi presenti. Consueta collaborazione con il nucleo sanitario per la creazione di scenari dimostrativi di Rianimazione Cardiopolmonare.

Non poteva mancare il ricordo di Giuseppe “Tode” Todeschini, storico volontario al quale è stato dedicato uno striscione in memoria. In concomitanza, sempre nella stessa occasione, è stata ospitata anche la Festa dei Nonni del Comune di Sona.

La sera poi, sotto la tendostruttura, tante le persone si sono date appuntamento per cenare e per passare qualche ora assieme ed ascoltare l’ottima musica dei Canonica di Lugagnano (Per l’occasione auto-ribattezzatisi “Non SOS se mi spiego”), che con il loro concerto hanno anche voluto ricordare l’amica Alice Belloni, scomparsa troppo prematuramente qualche giorno prima.

Domenica 5 poi si è tenuta l’inaugurazione dell’ambulanza. La giornata si è aperta con la sfilata delle Associazioni lungo le vie di San Giorgio, con in testa la storica Banda del Comune di Sona a dettare ritmi e tempi della marcia.

Nella ricorrenza dei 100 anni dallo scoppio della prima guerra mondiale, si è voluto omaggiare i caduti con la deposizione di corone di fiori sui due monumenti presenti nella frazione.

Prima della sfilata, con bis dopo la S. Messa, l’esibizione dei campanari, capitanati dal socio SOS Vittorio Faccioli, ha riportato un pò indietro le lancette del tempo, ricordando i tempi in cui questo affascinante strumento dettava e tempi e ritmi di vita delle comunità rurali.

La sfilata si è conclusa con l’ingresso all’interno della chiesa parrocchiale, dove Don Flavio Bertoldi, amico di lunga data del SOS e già parroco di Sona, ha celebrato la santa messa.

Al termine si è tenuta l’inaugurazione vera e propria della nuova ambulanza. Forse il momento più toccante è stato il taglio del nastro della signora Emma Cinquetti, moglie di Bruno e mamma di Maria Elena. La nuova ambulanza porta sul fianco infatti i nomi di queste due persone, che appartengono agli affetti e alla storia del S.O.S.

Si sono succeduti anche i discorsi delle autorità presenti, tra cui il Sindaco di Sona Gianluigi Mazzi, il Sindaco di Sommacampagna Graziella Manzato, il Sindaco di Castelnuovo Giovanni Peretti ed il Presidente del SOS Pierluigi Briggi (vedi sotto il VIDEO di DBVIDEO di Povegliano, mentre le foto sono di Graziano Castioni).

Al termine dell’inaugurazione tutti i presenti hanno potuto godere di un super pranzo a base di lesso e pearà.

Quindi torta ed estrazione dei biglietti vincenti della Lotteria delle Associazioni (vedi nell’immagine accanto i numeri premiati), iniziativa di raccolta fondi fortemente voluta dalla Proloco di Sona e che è diventata uno dei principali sponsor della nuova ambulanza.

 

Alfredo Cottini
Sono nato a Bussolengo l'8 ottobre 1966. Risiedo a Lugagnano sin dalla nascita, ho un figlio. Sono libero professionista nel settore della consulenza informatica. Il volontariato è la mia passione. Faccio parte da 30 anni nell'associazione Servizio Operativo Sanitario, di cui sono stato presidente e vicepresidente. Per diversi anni sono stato consigliere della Pro Loco di Sona. Amo il mio cappello da Alpino per quello che rappresenta. Ritengo che la solidarietà, insita nell’opera del volontario, sia un valore che vale la pena vivere ed agire. Si riceve più di quello che si dà. Considero la cooperazione tra le organizzazioni di volontariato di un territorio uno strumento utile per amplificare il valore dei servizi, erogati da ognuna di esse, al cittadino