Bonometti: “Sono stanco e deluso, e non mi ricandido”

Il Sindaco Flavio Bonometti, in un’intervista rilasciata ad Emanuele Zanini de L’Arena, rende ufficiale una notizia che ormai da qualche tempo circolava nei corridoi del Comune e della politica Sonese: non si ricandiderà alle prossime elezioni amministrative del 13 e 14 aprile.

 

«La mia decisione a non ricandidarmi», spiega Bonometti nell’intervista apparsa il 13 marzo sul quotidiano veronese, «nasce soprattutto da un senso di stanchezza, di delusione e amarezza amministrativa e politica. Sebbene non siano mancate le soddisfazioni, nel corso di questi lunghi e faticosi cinque anni di ammistrazione sono stati affrontati molti momenti duri e difficili».

 

«Tra gli aspetti che hanno inciso su questa mia decisione», aggiunge, «incide quello legato ai pesanti debiti ereditati dal Comune che ha dovuto e deve tuttora pagare (basti pensare che dal gennaio del 2007 a gennaio di quest’anno abbiamo dovuto pagare due milioni di euro di debiti). E mi riferisco in particolare alle vicende legate alla casa di riposo di Lugagnano, alla Matra e altre delicate questioni che hanno condizionato la gestione del Comune. L’amarezza deriva anche dal fatto che a causa della mancanza di soldi non sono stati effettuati importanti lavori pubblici, a partire dalla caserma dei carabinieri per arrivare alle scuole».

 

«Un periodo», spiega poi Bonometti, «che si è rivelato logorante anche per gli estenuanti problemi nati con le annose controversie con la ditta Sun Oil, e con le continue richieste di aperture e di gestione di cave e discariche. Sotto il punto di vista politico, invece, uno dei momenti più delicati è stato quello della morte del consigliere Michele Cimichella. Sono stati anni talmente intensi e complessi da farli sembrare dieci invece che cinque».

 

«Inoltre», prosegue Bonometti, «mi hanno molto infastidito alcune dichiarazioni apparse su un periodico locale, secondo il quale il centro destra per queste elezioni mi avrebbe letteralmente “scaricato”. Una considerazione assolutamente falsa che smentisco, visto che è stata una mia decisione. Ma anche questi forse sono segnali che avvertono che è meglio mollare. Non ho infatti intenzione di ricoprire neppure il ruolo di consigliere comunale». «Questo tuttavia», conclude il sindaco, «non significa che abbandonerò la politica. Sarò a disposizione per altri tipi di ruoli».

 

Allo stato attuale i candidati ufficialmente in lizza per la carica di Sindaco di Sona sono tre: Gianluigi Mazzi per la Lista Civica L’Incontro, Giannantonio Mazzi per la Lista Civica Crescere insieme Camminare insieme e Gualtiero Mazzi – attuale vicesindaco di Bonometti – per la Lega Nord.

 

Non si hanno invece ad oggi notizie di Forza Italia mentre la grande novità politica di questi giorni e che l’UDC e la Lista Civica Modello Paese di Renato Farina e Paolo Pietropoli – dopo un profondo confronto sui programmi e sul futuro di Sona  – hanno deciso di partecipare con i propri uomini e le proprie idee al progetto della Lista Civica L’Incontro.

 

Articolo precedenteSalvetti e Foschetti in Brasile
Articolo successivoOdori: indagine della Procura
Mario Salvetti
Nato nel 1969, risiede da sempre a Lugagnano. Sposato con Stefania, ha due figli. Molti gli anni di volontariato sul territorio e con AIBI. Nella primavera del 2000 è tra i fondatori del Baco, di cui è Direttore Responsabile. E' giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Veneto. Nel tempo libero suona (male) la batteria.