Sona: nessuna ordinanza contro i botti. Segnalati però scoppi preoccupanti a Lugagnano e San Giorgio

Arrivano in questi giorni alcune proteste in redazione di cittadini di Lugagnano e di San Giorgio in Salici che segnalano come si registri un preoccupante aumento di scoppi che vanno ben oltre i normali botti, classici per questo periodo dell’anno.

Non si tratta di una novità, ogni fine anno si ripetono queste situazioni. Ma quello che viene segnalato quest’anno sembra essere l’utilizzo di materiale pirotecnico ben più potente rispetto ai normali prodotti comunemente in libera vendita.

Nello specifico, più di un lettore segnala che la vigilia di Natale in pieno centro a Lugagnano attorno alle 19 si sono registrate alcune vere e proprie esplosioni che hanno fatto addirittura tremare i vetri delle abitazioni nella zona di piazza Martiri della Libertà, a pochi metri dal semaforo principale della frazione. Boati sono stati registrati anche attorno all’una di notte.

Altre segnalazioni, arrivate da San Giorgio in Salici, indicano la zona davanti alla farmacia come teatro di scoppi preoccupanti, di giorno e di notte.

Oltre al fastidio per boati che sono destinati ad aumentare da qui al 31 dicembre, vi è anche la preoccupazione per materiale pericoloso maneggiato da persone inesperte o, addirittura, da minori come nel caso di quanto riferito per le esplosioni della vigilia di Natale.

Su questo argomento abbiamo sentito il Sindaco di Sona Mazzi, che come lo scorso anno non ha emanato un’ordinanza per vietare i botti. Questione spinosa quella di questo tipo di ordinanze, se si pensa a cosa sta accadendo ad esempio a Roma con il TAR che, accogliendo il ricorso dei produttori di fuochi pirotecnici, ha sospeso il provvedimento del Sindaco Raggi che vietava fuochi d’artificio di ogni tipo. Situazione che si sta ripetendo anche in Veneto, in alcuni Comuni dove sono state emanate ordinanze analoghe.

Al fine di tutelare la sicurezza delle persone e di tutti gli esseri viventi – spiega il Sindaco di Sona – in occasione dell’approssimarsi della giornata di fine anno l’Amministrazione invita la popolazione al corretto e moderato uso dei fuochi d’artificio in tutto il territorio; si invitano inoltre i commercianti autorizzati alla vendita a rispettare in modo rigoroso le prescrizioni di legge, con particolare riguardo alla presenza delle etichette di identificazione dei prodotti e al divieto di vendita per i minori, in particolare bambini e ragazzi sotto i 14 anni, prime vittime di un uso improprio di tali prodotti.

Pur rispettando ed in buona misura condividendo le preoccupazioni di molti – prosegue il Sindaco di Sona – ho deciso di non emettere alcuna ordinanza di divieto confidando nella sensibilità e nel senso di responsabilità dei cittadini del nostro territorio. Faccio perciò affidamento alla maturità delle persone su questioni che ci riguardano come sempre da vicino: la salvaguardia dell’incolumità altrui, la tutela della salute degli animali e, da ultimo, ma non meno importante, l’attuale situazione relativa agli alti livelli di inquinamento atmosferico che un eccessivo impiego di fuochi artificiali potrebbe contribuire a peggiorare. Nella speranza di una collaborazione e di un utilizzo consapevole dei fuochi d’artificio, assieme a tutti gli Amministratori auguro a tutti un piacevole ultimo dell’anno e un buon 2017″.