Ascolta questo articolo

Augusto Tretti (Verona, 1924-2013) è stato un regista, sceneggiatore e attore italiano. Frequenta la facoltà di giurisprudenza, ma l’ambiente universitario lo esaspera e durante quegli anni inizia la sua carriera di cineasta, realizzando brevi cortometraggi. Si trasferisce a Roma a metà degli anni ’50, dove frequenta gli ambienti culturali della capitale, che in quegli anni vedevano la presenza di nomi molto noti del cinema italiano, ad esempio Flaiano, Fellini (di cui diventa amico e collaboratore) e Antonioni.

 

“Il potere”, girato nel 1972, è il suo film più famoso;  è scritto,  diretto e interpretato da lui stesso, avvalendosi anche di attori non professionisti. L’opera descrive in maniera surreale le dinamiche dell’acquisizione del potere nelle varie epoche storiche, dalla preistoria al consumismo dell’Italia contemporanea, passando per l’impero romano, la conquista del West a spese dei nativi indiani, il ventennio fascista.

 

Le varie scene sono commentate da tre belve, un leone, una tigre e un leopardo, rappresentanti rispettivamente il potere militare, il potere economico e il potere agrario. E’ stato girato in varie località della provincia di Verona. Molto interessante è che una delle scene – che proponiamo qui sotto – sia girata proprio a Sona, davanti alla chiesa parrocchiale in Piazza della Vittoria.