Sona: introdotta la tassa di soggiorno. I turisti verseranno da cinquanta centesimi ad un euro a notte

Il Consiglio Comunale di Sona nel corso dell’ultima seduta ha deliberato di introdurre anche a Sona, come già accade nei Comuni a noi confinanti, una tassa di soggiorno per chi pernotta sul nostro territorio.

Ma come funziona questa tassa? Chi dal prossimo luglio pernotterà in un hotel a quattro e cinque stelle dovrà pagare un euro a notte, mentre chi si fermerà in strutture ricettive con meno stelle o in agriturismi e bed&breakfast dovrà pagare cinquanta centesimi.

L’importo dovrà essere versato a chi gestisce la struttura alberghiera, il quale a sua volta ogni sei mesi dovrà girare al Comune di Sona gli importi incassati.

La tassa si paga al massimo per cinque notti, gli eventuali pernottamenti successivi non sono, infatti, soggetti a pagamento.

S Giustina lato est con le due absidi e il campanile
Santa Giustina, una delle maggiori attrazioni turistiche del territorio di Sona. Sopra, le colline tra Sona e San Giorgio

Tutti i soldi che verranno raccolti da questa tassa – spiegano dal Comune – verranno destinati a progetti di sviluppo del turismo sul territorio, come il miglioramento dei servizi e la creazione di eventi attrattivi per il turista italiano e straniero.

Da questa tassa potrebbero quindi arrivare risorse importanti per quanto limitate di cui tutti poi beneficerebbero.

Non sono soggetti al pagamento della tassa di soggiorno i bambini sotto i 14 anni, i disabili e – come si usa – autisti e accompagnatori turistici delle comitive in visita al territorio.

Escluse anche le persone che dovessero soggiornare per motivi medici, in quanto pazienti di strutture presenti sul territorio o in aree limitrofe, e coloro che dovessero fermarsi sul territorio a causa di provvedimenti emanati per fronteggiare situazioni di emergenza.

Nel 2014 le persone che hanno visitato il nostro territorio, fermandosi almeno una notte, sono state quarantamila, presto fatto quindi il conto di quanto potrà ricavare il Comune dall’introduzione di questa Tassa se i numeri si confermeranno.

.

La Redazione
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews