Sona: Importante riunione per il problema della morìa del Kiwi, presente l’Assessore Regionale

Mercoledì scorso si è svolta nella mattinata, al Centro Sperimentale della Coldiretti al Bosco di Sona, una riunione di grande interesse per gli agricoltori che coltivano il kiwi e che stanno subendo danni gravissimi per la morìa generalizzata.

La morte delle piante, che nel 2012 hanno dato i primi sintomi di sofferenza, è stata progressiva e le produzioni si sono ridotte fino ad azzerarsi quest’anno in moltissimi casi. La causa vera non è stata ancora scoperta, ma è legata al cambiamento delle stagioni e all’acqua eccessiva che provoca sofferenza e asfissia delle radici fino a distruggere tutto l’apparato radicale.

Si erano interessati i Sindaci dei comuni più colpiti, da Sommacampagna e Sona a Castelnuovo, Valeggio, Villafranca e Bussolengo che avevano sollecitato Regione e Governo a intervenire.

Ora il nuovo Assessore regionale all’agricoltura, Giuseppe Pan, già Sindaco di Cittadella, è intervenuto sul posto per rendersi conto della situazione e cercare delle soluzioni concrete; per questo si è fatto accompagnare anche dai Capi Dipartimento della Regione Alberto Zannol e Andrea Comacchio, e dai funzionari dei Servizi Fitosanitari Giovanni Zanini e Tiziano Visigalli.

Alla riunione erano presenti i rappresentanti della Coldiretti con il presidente provinciale Claudio Valente, il direttore Giuseppe Ruffini, il presidente comunale Angelo Venturelli e il tecnico di zona Agostino Ranzato. Quindi gli amministratori comunali, il Sindaco di Sona Gianluigi Mazzi, con l’Assessore Luigi Forante e il Consigliere Elena Catalano, il Sindaco di Bussolengo Paola Boscaini, l’Assessore di Sommacampagna Giandomenico Allegri, il Consigliere di Villafranca Adriano Cordioli. Presenti anche il vicepresidente del Consorzio di Bonifica Veronese Renzo Bonizzato, vari altri funzionari e tecnici interessati, giornalisti e televisioni.

riunione moria kiwi sona settembre 2015 sindaco gianluigi mazzi assessore regonale pam presidente coltiretti valente (1)
In altro un momento dell’incontro, al centro il presidente di Coldiretti Valente e l’assessore Pan. Qui sopra la ricognizione presso l’Azienda Agricola Tacconi

La comitiva dapprima si è recata presso l’azienda agricola di Antonella Tacconi a Palazzolo, dove si è resa conto del danno delle piantagioni visionando un giovane impianto di Kiwi, già dotato di reti antigrandine e impianto d’irrigazione a microjet, con le piante completamente disseccate.

Quindi al Centro Sperimentale Coldiretti si è cercato di inquadrare il complesso problema della morìa e dei possibili interventi da fare. Il presidente Valente, l’assessore Allegri e il consigliere Cordioli, hanno descritto quanto finora si conosce del fenomeno che potrebbe avere diverse concause.

La morìa è iniziata nei punti dove ristagna l’acqua, le analisi mostrano una distruzione delle radici capillari, non si trovano però agenti patogeni, i terreni appaiono destrutturati. Con gli inverni miti e la mancanza del ghiaccio non si arieggia il terreno, le piogge abbondanti, l’irrigazione a scorrimento e la compattazione del terreno sembrano le cause dell’asfissia radicale.

Gli impianti con baulatura e irrigazione con tubi in pressione e microirrigatori, hanno danni minori o sono esenti, come sono immuni finora alcune zone della provincia. Molti agricoltori che hanno puntato sul Kiwi si trovano in grande difficoltà. Non hanno più il raccolto, non sanno cosa fare, se procedere agli espianti e reimpiantare o investire su altre colture.

Dopo aver ascoltato vari interventi, l’Assessore Pan e i funzionari regionali si propongono di cercare se è possibile un qualche provvedimento pubblico. Il fenomeno va mappato e quantificato individuando le zone e gli agricoltori colpiti, ma non è ancora chiaro se si possano applicare le norme regionali e nazionali in materia di soccorso agli agricoltori.

Nei prossimi giorni i funzionari regionali verificheranno l’applicabilità delle norme esistenti a livello regionale e nazionale o se sia possibile procedere a deroghe o modifiche nei limiti degli stanziamenti di bilancio. Nel frattempo non è consigliabile l’eliminazione degli impianti ammalati per chi spera di avere un qualche aiuto pubblico.

.

Luigi Tacconi
Nato a Palazzolo il 10 settembre 1939, è scomparso l'11 gennaio 2022. Laureato in Scienze Agrarie, ha operato nell’Amministrazione comunale di Sona per vent’anni, come consigliere, assessore e vicesindaco. Ha partecipato alla stesura dei tre volumi storici del Baco sulla storia di Sona, oltre a scrivere innumerevoli articoli sulla storia locale.