Sona. Il sindaco Mazzi: “Ci sarò alle prossime elezioni, per accompagnare il mio successore”

In occasione della Festa della Liberazione, il 25 aprile, a (quasi) un anno esatto dalle prossime elezioni amministrative che porteranno i cittadini di Sona alle urne per scegliere un nuovo sindaco e una nuova amministrazione, arriva la forte presa di posizione dell’attuale sindaco, Gianluigi Mazzi (nella foto del 2019 di Mario Pachera, con la polizia locale di Sona).

Riprendendo un post dell’aprile 2013 nel quale veniva presentato per la prima volta il logo della sua lista civica “PerSona al Centro” – che lo avrebbe portato alla sua prima affermazione elettorale, seguita poi dalla seconda nel 2018 – Mazzi mette nero su bianco sulla sua pagina Facebook l’intenzione di partecipare anche alle prossime elezioni.

Come noto, Mazzi non potrà ricandidarsi come sindaco in quanto quello attuale è il suo secondo mandato. E quindi molto si è discusso negli scorsi mesi su quali sarebbero state le sue intenzioni per il futuro.

Mazzi ha saputo condurre il Comune con visione e mano ferma in anni straordinariamente complessi, segnati da una pesante crisi economica e dalla tragedia della pandemia, dimostrandosi sempre all’altezza delle sfide e riuscendo – nonostante la congiuntura particolarmente negativa – a portare ad obiettivo risultati concreti e rilevanti. Anche per questo le sue scelte per il futuro non sono certo indifferenti, né per il territorio né per il suo gruppo politico.

Alcuni indizi facevano pensare che Mazzi potesse decidere di farsi da parte per un quinquennio per poi riproporsi alle elezioni del 2028. Decisione, quella di ricandidarsi tra cinque anni se ve ne saranno le condizioni, che proprio Mazzi aveva dichiarato al nostro Gianmaria Busatta in un’intervista dello scorso fine anno.

Ora, invece, con quel post viene certificata una decisione, che sicuramente non era scontata. Mazzi scrive, infatti, che “9 anni fa veniva per la prima volta pubblicato il logo politico che mi ha accompagnato per questi anni di amministrazione. ‘PerSona al Centro’ ha fatto la storia in questo Comune ed è il motivo – e qui vi è il passaggio decisivo – per il quale ho deciso di esserci per accompagnare chi sarà dopo di me!”.

Il post pubblicato sulla pagina Facebook del sindaco Mazzi il 25 aprile.

Quindi Mazzi, pur non potendo essere ancora sindaco, farà comunque parte del gruppo. Addirittura – in caso di vittoria alle elezioni – con un ruolo di vicesindaco? Questa è una storia ancora tutta da scrivere perché proprio in questi giorni la maggioranza sonese è alle prese con la scelta del nuovo candidato sindaco, che dovrebbe essere l’attuale assessore Gianfranco Dalla Valentina – come scriviamo sul Baco in edicola, intervistandolo – ma su cui si sta ancora discutendo.

Individuato il candidato sindaco, ne discenderanno tutta una serie di conseguenze, tra le quali appunto anche la questione centrale del ruolo di Mazzi, la cui presenza di peso nel futuro governo di Sona – ammesso che dalle urne arrivi la conferma dell’attuale maggioranza – non sarebbe certamente indifferente, anche per gli equilibri interni che si troverebbe a gestire il nuovo primo cittadino.

Certo è che chiunque sarà il nuovo candidato sindaco, avere o non avere l’investitura ufficiale di Mazzi potrebbe fare la differenza. Investitura che arriverà, probabilmente non subito ma arriverà. Ma chi sarà a quel punto a dare le carte, tra nuovo candidato e vecchio sindaco?