Sona. Il Comune investe 250mila euro per la sicurezza urbana incrementando la videosorveglianza

Sicurezza urbana al centro dell’attenzione dell’amministrazione comunale di Sona che annuncia l’approvazione del progetto esecutivo per i lavori di ampliamento del sistema di videosorveglianza e lettura targhe nel territorio comunale per un importo complessivo pari a 250mila euro, co-finanziato al 50% con fondi ministeriali.

Qualche giorno fa a Sona, si è svolta una serata nella quale i Carabinieri della Stazione di Sommacampagna e di Villafranca di Verona, insieme alla Polizia Municipale di Sona, hanno dato utili consigli per prevenire e difendersi dai furti nelle abitazioni e dalle truffe. Quello delle effrazioni nelle abitazioni e delle truffe è un problema che sta preoccupando il territorio, alla luce del crescente numero di episodi come raccontiamo con un’inchiesta sul Baco in edicola e nei punti di distribuzione da mercoledì 10 aprile.

Nel corso dell’incontro, il sindaco di Sona Gianfranco Dalla Valentina, aveva informato la cittadinanza presente della volontà di inserire 23 telecamere distribuite in venti nuove zone di monitoraggio all’interno del territorio comunale, in corrispondenza delle vie di accesso ai paesi: “Sono risorse importanti per aumentare la sicurezza dei cittadini, fornendo uno strumento di monitoraggio attivo del flusso veicolare alla nostra Polizia. Lo scopo è favorire la rilevazione di situazioni di pericolo, consentire la ricostruzione rapida dei movimenti di veicoli e persone sospette e agevolare l’intervento immediato delle forze dell’ordine“.

Al contempo, il sistema di videosorveglianza permette di rilevare i veicoli in transito privi di regolare copertura assicurativa, non in regola con la revisione periodica, sottoposti a fermo amministrativo e rubati e ciò faciliterà il lavoro della Polizia Locale che, nel 2023, ha accertato 42 omesse revisioni e 7 omesse assicurazioni, oltre ad aver rilevato 22 sinistri ed eseguito 3 accertamenti per guida in stato di ebrezza.

L’ampliamento del sistema di videosorveglianza e controllo riguarderà anche l’adeguamento dell’infrastruttura di rete, le opere impiantistiche e civili necessarie alla posa e all’installazione, nonché dei più avanzati meccanismi di protezione delle informazioni e della trasmissione dei dati e in ogni punto di ripresa verranno affissi cartelli di avviso, così come previsto dalla vigente informativa sulla protezione dei dati personali.

La centrale operativa dove verranno trasmesse le immagini ed i transiti registrati dalle nuove telecamere è allestita presso il Comando della Polizia Locale in Piazza Roma a Sona e verrà messa a disposizione delle forze di Polizia e dei Carabinieri.

Alessandro Ceradini
Nato nel 1980 residente al Basson da generazioni, ragionerie diplomato all’Istituto Tecnico Commerciale Anton Maria Lorgna. Lavora al Consorzio di Bonifica Veronese da quasi vent’anni. Adora la compagnia, la buona cucina, viaggiare e passare del tempo con i suoi cani. Oltre a scrivere, grazie alle patenti conseguite, realizza video ed immagini con l’uso di droni.