Sona: I complimenti all’azienda agricola El Bacan arrivano anche dal presidente Zaia via social

L’agricoltura non è solo una professione, ma anche una potente via per educare le nuove generazioni al rispetto della natura e alla sostenibilità.

A Sona, l’azienda agricola El Bacan con le sue fattorie didattiche sta dimostrando che è possibile coltivare non solo prodotti di qualità ma anche valori di responsabilità ambientale e sensibilizzazione ecologica.

Serena e Michele Bellè, i giovani titolari di questa azienda, molto attiva nel nostro territorio e sempre disponibile per la propria parrocchia hanno ricevuto, via social, un piacevole riconoscimento dal presidente del Veneto Luca Zaia (immagine qui sotto). Una condivisione che rende onore ad anni di impegno e numerose fatiche.

L’azienda El Bacan è stata tra i finalisti dell’edizione 2023 dell’Oscar Green, premio per l’innovazione in agricoltura promosso da Coldiretti Giovani Impresa, che premia coloro distintisi per fantasia imprenditoriale e per la sostanza dei progetti. “Impresa digitale”, “Campagna Amica”, “Coltiviamo Solidarietà” erano alcune delle categorie in concorso. Cinquanta neoimprenditori che si sono contesi il podio della 17^ edizione alla “Tenuta Cavallino” nel comune di Cavallino-Treporti.

Il presidente Zaia in quell’occasione ha esordito dicendo: “I giovani indicano la via e nel settore primario crescono a doppia cifra. L’innovazione in agricoltura è unica in un contesto che viene definito rinascimentale, in una regione che traina da sempre il panorama nazionale per numeri e distintività”.

Sempre supportati da Coldiretti Verona, dalla pubblica amministrazione e dalle inesauribili energie dei propri genitori i due giovani Bellè stanno dimostrando che la strada meno battuta è spesso la più difficile da percorrere, ma è anche quella che può portare a risultati sorprendenti.

Realtà del nostro territorio, come questa, ci ricordano che è possibile conciliare l’aspetto imprenditoriale con l’educazione ambientale, dimostrando che il profitto e la responsabilità possono andare di pari passo.

“Attraverso attività pratiche – ci racconta Serena – come la coltivazione, la raccolta e la cura degli animali, i giovani partecipanti alle nostre fattorie didattiche imparano a rispettare il ciclo naturale e a sviluppare un attaccamento al mondo che li circonda. Vorrei, che la nostra fattoria, fosse un invito ai giovani a trascorrere più tempo all’aperto anziché rinchiudersi in un mondo virtuale e distante dalla natura. Coltivare non solo il terreno, ma anche la mente e il cuore, investendo nelle generazioni future affinché possano diventare custodi attenti e consapevoli del nostro pianeta”.

In un mondo in cui l’attenzione alla sostenibilità e al futuro spesso passa in secondo piano, l’azienda di Serena e Michele ha messo al primo posto valori quali natura ed educazione. Un esempio virtuoso che ci invita a riflettere su come possiamo contribuire a un futuro più verde e sostenibile per le prossime generazioni.

Franco Fedrigo
Nato a Isola della Scala il 5 agosto 1961 e residente a Sona dal 1975. Sposato con tre figli. Appassionato di sport è componente del Comitato per la gestione del Teatro Parrocchiale e con alcuni amici organizza una rassegna di film sulla montagna. Fa parte della redazione del Baco dal 2002.