Sona: apre i battenti l’attesissimo progetto Pazza Scienza

A Sona capoluogo, da sabato 16 a domenica 24 marzo, la piazza vivrà una esperienza originale ed intrigante. Il Comitato Genitori ed il Consiglio d’Istituto di Sona, in collaborazione con il gruppo Pleiadi, promuovono infatti una settimana educativa fatta di esperimenti e laboratori dal titolo significativo “Pazza Scienza”.

 

L’obiettivo dell’iniziativa è avvicinare la scienza sperimentale alle persone, stimolando, attraverso lo stupore ed il ragionamento ogni singolo studente ed offrendo ai docenti esperimenti interattivi e curiosità che potranno arricchire le loro lezioni di scienze. I partecipanti avranno infatti la possibilità di provare, toccare e sperimentare, apprendendo in modo diretto la scienza ed i suoi principi. Il progetto prevede la realizzazione di laboratori tenuti da giovani biologi, fisici, matematici e chimici attraverso esperimenti interattivi fatti di vortici, calamite, giochi di luce e di suoni, ecc. Un divertente viaggio tra tecnologie di ieri e di oggi. Ciascuno dei 30 laboratori sarà dedicato ad un tema specifico riguardante la chimica, la biologia, la fisica, l’astronomia e la geologia.

 

La lista delle esperienze comprende: Specchi ustori, Trimano, Riflessi, Ombre colorate, Vedo te vedo me, Polarizza, Lente di Fresnel, Occhio laser, Faccia di Einstein, Cubo infinito, Caleido, Vortice, Hydraulic, Fontana in bottiglia, Diavoletto, Reducta, Pentola cinese, Parabole Bernoulli, Carrucole, Airzooka, Ruote quadrate, Pulci elettriche, Vortex, Ferro fluido, Due torri, Arco etrusco, Vite di Archimede.

 

La visita sarà suddivisa in due parti: La prima di presentazione teorica e di sperimentazione pratica dove i ragazzi avranno l’opportunità di cimentarsi direttamente in alcuni degli esperimenti previsti. La seconda sarà costituita dal Planetarium Globe, una cupola gonfiabile di 6 metri di diametro e 3 metri di altezza in grado di ospitare gruppi di 30 persone, attrezzata con un proiettore che permetterà di osservare la volta celeste e di proiettare film in 3D; un meraviglioso viaggio tra stelle, pianeti ed altri corpi celesti, accompagnati da un’astronomo che spiegherà e svelerà i segreti dell’Universo.

 

Tutto questo grazie all’organizzazione del gruppo Pleiadi, un team di scienziati con formazione specifica nella comunicazione che si occupa di divulgazione scientifica a 360° con laboratori didattici, mostre interattive, un planetario digitale, manifestazioni ed eventi organizzati in vari luoghi e rivolti principalmente al pubblico dei bambini e delle famiglie. La filosofia della mostra dice tutto sullo stile che la permea: “Vietato non toccare!”.

 

L’occasione di questa manifestazione sarà anche quella di aprire al pubblico i tre piani dell’edificio ex-canonica che già ospita al piano terreno l’ufficio postale e che recentemente è stato completato nelle sue ultime finiture, messo a disposizione dall’amministrazione comunale. L’apertura sarà in orario giornaliero con visite già prenotate al mattino per tutte le classi di Sona della scuola primaria e della secondaria di primo grado, compresi anche i bambini Archimede della scuola dell’infanzia.

 

L’accesso al pubblico, ad ingresso libero, sarà possibile nel pomeriggio fino alle 18 ed in orario giornaliero anche il sabato e la domenica. Soprattutto per la visita del planetario è importante presentarsi mezzora prima per prenotarsi. Comunque tutte le informazioni sono reperibili al sito www.pleiadi.net.

 

Per l’organizzazione, il Comitato Genitori di Sona si è adoperato per la cura di ogni dettaglio ed il reperimento delle risorse economiche necessarie; a riguardo ogni contributo economico anche da parte di singoli cittadini sarà accettato con favore anche durante la manifestazione. Un lavoro molto impegnativo ma che sarà sicuramente destinato a lasciare un segno positivo nella comunità di Sona. A questo proposito abbiamo sentito il Presidente del Comitato Genitori di Sona, Simone Caltagirone, che ci ha spiegato che “Con la realizzazione del progetto Pazza Scienza ancora una volta è possibile constatare la forte coesione e lo spirito di collaborazione, proprio del Comitato Genitori di Sona che, ricordiamolo, tra le finalità principali oltre a quella di favorire la più ampia collaborazione tra scuola e famiglia nel rispetto del ruolo specifico di ciascuna componente, c’è quella di realizzare iniziative che possano coinvolgere organismi sociali e culturali, onde favorire da un lato l’integrazione della scuola nel tessuto socio-economico in cui opera, dall’altro sostenerne il compito di sviluppo sociale e culturale del territorio. Oggi più che mai, a fronte anche dei continui tagli subiti negli ultimi anni nell’ambito scolastico, si rende necessario unire le forze per poter contribuire nel garantire ai nostri figli un’offerta formativa (dal punto di vista progettuale) di qualità. Noi, come Comitato Genitori, – prosegue Caltagirone -cerchiamo di fare quanto di nostra competenza e nelle nostre possibilità”.

 

“Dopo anni di importanti progetti concretizzati per la scuola, tra gli altri il Piedius, il progetto Prevenzione sulle Dipendenze, l’English Summer Camp, il progetto Sicurezza, il progetto Ambiente, il Camp Bike, il Comitato Genitori di Sona e il Consiglio di Istituto, all’interno del quale ricordiamolo, siedono genitori molto attivi all’interno del Comitato stesso, sono riusciti in una vera e propria impresa. Era un giorno di inizio estate 2012 – racconta il Presidente del Comitato Genitori di Sona – quando per la prima volta abbiamo iniziato a parlare in sede di Direttivo del Comitato Genitori del progetto Pazza Scienza. L’idea, seppur ambiziosa per la portata e il costo da sostenere, ha subito destato l’interesse di tutti, essendo rivolta per la prima volta ad un’ampia fascia di studenti dai 5 ai 13 anni; ed è così che abbiamo iniziato a lavorare per la sua realizzazione. Come sempre avviene, quando il Comitato Genitori elabora un progetto verosimilmente orientato a favorire l’arricchimento del Piano dell’Offerta Formativa, lo stesso è stato sottoposto all’attenzione del Consiglio di Istituto di Sona e al Collegio Docenti che in breve tempo, oltre a condividerne l’utilità didattica per i nostri ragazzi, lo hanno adottato affiancando al Comitato Genitori l’importante supporto di alcuni Docenti; segno vero di collaborazione”.  

 

“Da allora è stata una corsa contro il tempo; abbiamo programmato tantissime riunioni anche con cadenza settimanale, coinvolgendo sia i docenti sia i genitori disponibili a fornire il loro sostegno. Un susseguirsi di compiti impegnativi per tutti: dalla ricerca della location per l’allestimento della manifestazione, alla stesura del programma, al coinvolgimento di strutture disposte a dare un loro contributo economico. E a tal proposito devo dire – spiega Caltagirone – che la risposta c’è stata: l’Amministrazione Comunale ha subito accolto la nostra richiesta di utilizzare i nuovi spazi soprastanti l’Ufficio Postale di Sona e la sensibilità di diverse aziende locali e delle associazioni contattate in questi mesi, hanno permesso di affrontare i costi relativi alla realizzazione del progetto. Tanti sono stati gli ostacoli incontrati e superati in questi nove mesi ma la soddisfazione di essere arrivati alla fine e vedere finalmente realizzarsi il progetto Pazza Scienza, ci ha fatto dimenticare tutte le fatiche; e questo, come sempre, con il contributo volontario di tante persone, genitori… ma non solo che hanno subito risposto in modo concreto e alle quali va il più sentito ringraziamento”.

 

“Per questa iniziativa, che a ottenuto il patrocinio sia dal Comune di Sona che dalla Provincia di Verona, ci aspettiamo un una forte affluenza; tramite un’azione di mirata sensibilizzazione in accordo con i Dirigenti Scolastici, abbiamo coinvolto anche gli Istituti Comprensivi dei comuni limitrofi, oltre Lugagnano, Castelnuovo del Garda, Bussolengo e Sommacampagna, per un totale di circa 7.000 studenti. Tutte le famiglie sono invitate a partecipare; anche gli adulti saranno impressionati da ciò che troveranno all’interno della manifestazione e per un giorno – termina il Presidente del Comitato Genitori – i loro figli potranno effettuare un viaggio nella scienza da protagonisti”. 

 

La presentazione ufficiale di questo evento si terrà venerdì 15 marzo alle ore 19.30 in sala Consigliare a Sona.