Sona al primo nella classifica dei ricicloni, ma paghiamo 60mila euro per i rifiuti abbandonati

Arriva quindi la certificazione: Legambiente riconosce Sona come Comune virtuoso in quanto dalla classifica dei Comuni sopra i 15 mila abitanti che producono meno rifiuto secco risulta che il nostro è il primo nella Provincia di Verona. E il dodicesimo in assoluto in tutto il Veneto.

A Sona, la quantità di rifiuto secco residuo prodotta annualmente è di 70,4 chilogrammi per abitante, mentre la percentuale di raccolta differenziata è addirittura dell’81,7%.

Ma a fronte di questi ottimi dati, subito se ne affianca un altro che invece risulta completamente negativo.

A causa del perdurare della vera e propria piaga dei rifiuti abbandonati, i cittadini di Sona pagano 60mila euro all’anno per la loro raccolta e gestione. Non passa infatti giorno, e il Baco l’ha mostrato moltissime volte, che non si ripeta lo stillicidio di immondizia di ogni tipo abbandonata lungo le strade e nei campi.

Tornando sul dato di Sona Comune riciclone, solitamente chi più ricicla meno paga, e negli anni scorsi infatti l’aumento della differenziazione aveva portato alla riduzione della tassa sui rifiuti. Quest’anno però non è così. Sebbene i cittadini di Sona si confermino virtuosi, il tributo ha subito un leggero rialzo. La causa principale, ha spiegato il Sindaco Gianluigi Mazzi – che è anche Presidente del Consiglio di bacino Verona Nord – è il deprezzamento delle materie differenziate.

Sono cambiate le richieste del mercato sul materiale riciclato, e il prezzo si è abbassato. Serve ancora maggiore differenziazione: per restare competitivi occorrerà suddividere anche le tipologie di plastica e i colori del vetro in quanto maggiore è la selezione, maggiore è la possibilità di vendere il prodotto differenziato ad un prezzo più alto.

La Redazione

About La Redazione

Il Baco da Seta nasce del 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews

Related posts