Sona: al Carnevale in notturna un trionfo di maschere e musica. E gnocchi per tutti

Una splendida serata ha fatto da cornice alla prima sfilata del carnevale di Sona in notturna di sabato 25 marzo.

Punto di partenza come al solito il parcheggio di Via Donizzetti e intorno alle 19 la colorata carovana di maschere tradizionali, bambini e carri allegorici guidata dalla banda di Sona si è snodata lungo le vie del paese fino ad arrivare in Piazza della Vittoria.

Qui i bimbi vestiti nei modi più fantasiosi e simpatici sono stati premiati con una golosissima frittella dall’ospite d’onore della serata: il Papà del Gnoco.

Hanno impreziosito la sfilata con la loro presenza lo Tzigano di Lugagnano con il suo seguito, Messer Gidino da Sommacampagna, il Re del Baldo da Caprino veronese, il Conte Nogarola da Castel d’Azzano e Simeon de l’Isolo da Porta Vescovo con le rispettive eleganti corti e i simpaticissimi Birati di San Vito al Mantico.

Non potevano mancare i bimbi delle scuole, in particolare le seconde elementari vestiti da Emozioni liberamente ispirati al film di animazione Inside out insieme a tutte le altre famiglie e giovani che si sono aggiunti lungo il percorso (invero poco illuminato almeno fino alla Piazza).

A chiudere la sfilata, i carri “Scuola di Polizia” di Albarè di Costermano, Paladdin di Palazzolo e Pokimabon Go del gruppo SonArtisti di Sona che con le loro luci e la loro musica hanno contribuito alla buona riuscita della serata.

Grande lavoro da parte degli organizzatori, che alla fine della sfilata hanno anche distribuito gnocchi, pennette, patatine, frittelle e bibite a chi ha voluto partecipare con ulteriore entusiasmo all’evento.

A cura di Simone Lecca.