Sommacampagna: Domenica al Mercato della Terra ultima stagionale per il broccoletto di Custoza (ed ingresso del formaggio Silter della Val Camonica)

Che il Mercato della Terra di Slow Food, che si tiene ogni prima domenica del mese in piazza della Repubblica a Sommacampagna, fondasse il suo successo sua una costante e sorprendente evoluzione lo abbiamo già scritto in precedenza, ma che questa domenica ad essere proposto al suo folto pubblico fosse il formaggio Silter della Val Camonica DOP era davvero impensabile.

È in realtà ben noto quanto siano prelibati i prodotti proposti in questa iniziativa grazie alla continua promozione e valorizzazione curata dagli organizzatori che riescono ad interessare un numero sempre maggiore di realtà peculiari di un territorio con un raggio di azione che aumenta senza sosta.

Ma che riuscisse a coinvolgere la realtà agricola biologica montana di Andrea Bezzi di Ponte di Legno (a 10 km dal Passo del Tonale) era di fatto impensabile. Chi desidera avere una sua anteprima può vedere qui sotto il video di presentazione.

Ed invece, a fianco del padrone di casa della stagione quale è il Broccoletto di Custoza alla sua ultima apparizione stagionale, ecco prendere forma un formaggio dai sapori autentici quale è il Silter di pascolo.

Chiaramente entrambi Presìdi Slow Food data la loro peculiare territorialità.

Questi due prodotti che per questa domenica potremo considerare protagonisti del Mercato della Terra ricordiamo sono affiancati da una comunità di altri originali prodotti frutto di coltivatori, allevatori e trasformatori che ha superato le 40 unità e che il mondo dei Mercati della Terra invidia.

Non resta quindi che ricordare che il Mercato della Terra si tiene in piazza della Repubblica a Sommacampagna domenica 7 febbraio dalle ore 9 alle 13 e che la comunità di questi piccoli produttori attende appassionati e curiosi, convinti che fare la spesa sia un atto non solo alimentare ma anche fortemente culturale.

Articolo precedenteCoronavirus: Venerdì 5 febbraio a Sona gli attualmente positivi sono 24. Zaia: “Il Veneto resta giallo”
Articolo successivoCoronavirus: Sabato 6 febbraio a Sona scendono i ricoverati in ospedale. Nel veronese 197 positivi in meno
Nato a Bussolengo il 16 agosto 1964, risiede dall’età di 5 anni a Sona (i primi 5 anni a Lugagnano). Sposato con due figli. Attivo nel mondo del volontariato fin dall’adolescenza, ha fatto anche esperienza di cooperazione sociale. È presidente dell’associazione Cav. Romani, socio Avis dal 1984 e di Pro Loco Sona dal 2012. Fa parte della redazione di Sona del Baco da Seta dal 2002. È tra gli ideatori del progetto Associazioni di Sona in rete attivato nel settembre 2014 e del progetto Giovani ed Associazioni attivato nel 2020.