Scuole di Sona: il Sindaco ha incontrato le Dirigenti scolastiche per affrontare assieme l’emergenza coronavirus

In questi giorni segnati dall’emergenza coronavirus che sta mettendo alla prova anche il territorio di Sona, vi sono però risposte importanti in termini di organizzazione e di coordinamento. Che certificano come la nostra comunità stia ben rispondendo alla crisi.

Un esempio è il lavoro che stanno facendo le nostre scuole attraverso forme di didattica a distanza, come spiega compiutamente la nostra Chiara Giacomi in un approfondimento che pubblichiamo oggi.

Restando nel tema, centrale per le famiglie, della scuola, negli scorsi giorni il Sindaco Gianluigi Mazzi ha incontrato le due Dirigenti degli Istituti Comprensivi di Lugagnano e Sona Cattaneo e Federici (nella foto), assieme ad alcuni loro collaboratori e ai rappresentati del personale ATA. Nel corso degli incontri si sono trattati alcuni temi fondamentali in questi giorni di chiusura delle scuole.

Durante il periodo nel quale sono sospese le lezioni, l’accesso agli edifici scolastici è permesso solo al personale amministrativo e al personale ATA. Le scuole rimangono chiuse anche per le lezioni dell’Università Popolare.

Anche per le scuole del Comune di Sona sono state annullate le gite e le uscite didattiche. Il Sindaco ha colto l’occasione dell’incontro con le due Dirigenti per dare la disponibilità del Comune a fornire alle famiglie degli studenti la documentazione necessaria per poter accedere al rimborso di eventuali caparre o per ottenere il ristoro di assicurazioni già versate per le gite.

Per quanto riguarda gli edifici scolastici, il Sindaco ha chiesto che venga effettuata una pulizia particolare e specifica di tutti gli ambienti, offrendo se necessario di fornire materiale per la pulizia. E’ stato inoltre concordato di affiggere nelle scuole dei cartelli che, al ritorno degli studenti, ricordino le norme igieniche da osservare.

“I due incontri che ho avuto con le due Dirigenti – spiega il Sindaco di Sona, che ha preso direttamente nelle sue mani la questione nevralgica delle scuole a Sona – sono stati molto utili per allineare i comportamenti e le procedure da tenere nei plessi del territorio. Ho trovato da parte delle due scuole grande collaborazione e grande professionalità, come ero certo che sarebbe stato. Ho chiesto alle due dirigenti di utilizzare le piattaforme di didattica a distanza anche quali canali per comunicare direttamente con le famiglie, in maniera da creare una rete importante per trasmettere informazioni e comunicazioni”.