Scout di Lugagnano e SOS di Sona: collaborazione per il territorio. E Don Pietro fa la Promessa

Ascolta questo articolo

Una folta partecipazione di Scout di tutte le età e delle relative famiglie ha fatto da cornice ad una esercitazione congiunta tra il S.O.S. ed il Gruppo Scout Lugagnano 1.

Per il S.O.S. si sono attivati sia il gruppo dei formatori sia un folta rappresentanza di Soccorritori  e Tecnici di Protezione Civile.

All’evento è stato dato il titolo “Estote parati 2018″. Estote Parati è una locuzione in Latino per “siate pronti” o “siate preparati”.  Estote parati è anche la versione latina del motto degli scout e delle guide. Il senso della frase è rintracciabile nel significato proposto dal fondatore del movimento Scout Robert Baden-Powell siate pronti, in spirito e corpo, per compiere il vostro dovere”. L’esercitazione è stata abbinata alla chiusura dell’anno Scout.

La Promessa di don Pietro Pasqualotto.

Vari gli scenari simulati: da una evacuazione della casa Scout a seguito di un terremoto con soccorso dei feriti a strutturazione di un area di ricovero e di triage a vari interventi di soccorso a persone infortunate in varie location nelle immediate vicinanze. Ad ogni simulazione è stata spiegata ed illustrata la Catena del Soccorso mettendo bene in evidenza l’importanza della autoprotezione, dell’approccio al soccorso strutturato, dell’organizzazione della comunicazione (allestimento di una sala radio) , dell’allestimento di un PMA (Punto Medico Avanzato) e di una cucina da campo per il ristoro dei cittadini colpiti dagli eventi calamitosi e dei soccorritori .

Oltre alla serata di chiusura del 09 Giugno, durante l’anno si sono tenuti diversi momenti di formazione /informazione tra S.O.S e Scout: dalla lezioni sulla Catena del Soccorso, alle lezioni antincendio davanti alla casa scout, alla bellissima esercitazione congiunta Soccorso/Rischio Antincendio presso la Bulgarella a San Giorgio in Salici.

A chiudere questa intensa giornata una serata conviviale che ha visto i volontari del S.O.S. condividere la cena con gli Scout e le loro famiglie. Un bellissimo momento di aggregazione impreziosito da due fuori onda belli ed importanti: la Promessa Scout pronunciata davanti ai Capi da Don Pietro Pasqualotto, coparroco di Lugagnano, e la consegna da parte di S.O.S. ai membri del Comitato Capi di due zaini soccorritore attrezzati di tutto punto per le esigenze di un Primo Soccorso ad un infortunato.

Questi zaini saranno parte integrante della dotazione che accompagna le branche Scout  nelle uscite sul territorio. Un degno riconoscimento all’impegno che tutto il gruppo ha messo nell’approcciare, con curiosità ed entusiasmo, le molteplici attività che il S.O.S. quotidianamente svolge.

Si sta gettando un ponte tra due Associazioni che sono parte della spina dorsale del ricco tessuto di Volontariato del Comune di Sona.  Valori condivisi e tanti punti di contatto e scambio fanno si che è solo all’inizio di una collaborazione destinata a durare nel tempo. Un primo fatto tangibile di questa collaborazione è che sempre più giovani Scout proseguono il loro impegno di servizio alla comunità entrando a far parte delle fila dei volontari S.O.S. E, molti di loro, mantenendo comunque un forte legame con la comunità scout da cui provengono.

.