Sconfitta a tavolino con il Sona: l’AC Lugagnano vince il ricorso e ritrova il pareggio

La questione in punta di diritto (sportivo) era nata lo scorso 20 settembre quando, al termine del derby calcistico di Promozione tra Sona e Lugagnano conclusosi con il punteggio di 1 a 1, il referto arbitrale aveva indicato che al 18esimo vi era stata una sostituzione (Pachera del 1996 con Risi del 1995) in violazione di quanto prevede il regolamento.

A quel punto la FIGC, preso atto del referto arbitrale, aveva decretato la sconfitta a tavolino dell’AC Lugagnano per 3 a 0.

Immediato il ricorso della società calcistica di Lugagnano, che aveva indicato come in realtà la sostituzione era stata effettuata con il n. 15, un pari età (Romeo, 1996). Quindi nessuna violazione al regolamento.

Il problema (di diritto) era che per smentire il referto esistevano solo i resoconti de L’Arena, il filmato della gara e le mancate proteste del Sona. Nulla quindi di ufficiale.

Evidentemente però le ragioni portate a supporto sono state considerate accoglibili dalla FIGC in quanto proprio ieri è arrivata la notizia che l’AC Lugagnano ha vinto il ricorso. E’ stato, infatti, accertato l’errore materiale – grazie all’arbitro che con un supplemento di rapporto ha fatto correggere il dispositivo precedente – e quindi la corretta sostituzione del giocatore Pachera con Romeo. Verrà pertanto assegnato un punto al Lugagnano, come da esito della partita.

.

Articolo precedenteQuindici anni di aiuto e sostegno per ACAT, festeggiati domenica a Lugagnano
Articolo successivoSabato la parrocchia di San Giorgio in Salici accoglie il nuovo parroco: Padre Mortaro
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews