Sbancamenti abusivi a Sona?

Ascolta questo articolo

La Lista Civica L’Incontro ha presentato in Comune un’interpellanza per capire cosa sta succedendo nell’area Corbaz, in quanto alcuni cittadini hanno segnalato la ripresa dell’attività di scavo della collina. Ecco il testo:

Interpellanza Urgente
“SEGNALAZIONE ATTIVITA’ DI SBANCAMENTO DELLA COLLINA A SONA – VERIFICA CONFORMITA’ DEI LAVORI”.

Il sottoscritto Consigliere Comunale:

PREMESSO che:

– le colline Moreniche sono un ambito con importanti valenze paesistiche ed ambientali, e sono un importante polmone verde per tutto il Comune di Sona già gravato da una massiccia antropizzazione (industrie, infrastrutture di trasporto), pertanto devono essere tutelate con tutte le risorse possibili;
– sono giunte delle segnalazioni a questo gruppo di minoranza da parte di alcuni ittadini residenti nell’area, circa le attività di scavo eseguite presso il nuovo scalo merci della ditta Corbaz, concesso dalla maggioranza con una nuova variante urbanistica;
– le attività di scavo, a quanto è stato possibile appurare dalle segnalazioni, interessano una vasta porzione di collina sul lato ovest; inoltre il materiale inerte è lavorato sul posto con un vaglio.

PRESO ATTO che:

– le norme in materia di vigilanza e controllo dell’attività urbanistico – edilizia stabilite dalla legislazione sono ispirate all’esigenza di assicurare un ordinato sviluppo del territorio, secondo quanto previsto dalla pianificazione territoriale e urbanistica, garantendo la tutela assoluta delle risorse ambientali, del paesaggio e del patrimonio storico ed architettonico presenti sul nostro territorio;
– il Comune di Sona deve esercitare la vigilanza sull’attività urbanistico edilizia, anche attraverso i controlli, per assicurare la rispondenza degli interventi alle norme di legge e modalità esecutive fissate nei titoli abilitativi;
– l’art. 186 comma 5 del d.lgs. 152/2006 e sucess. mod. ed integr. prevede che le terre e rocce da scavo, qualora non utilizzate nel rispetto delle condizioni di cui al citato articolo, sono sottoposte alle disposizioni in materia di rifiuti di cui alla parte quarta del medesimo decreto;
– con la delibera di Giunta Regionale n. 2424 del 08 agosto 2008, la disciplina regionale ha previsto la necessità di consentire la tracciabilità delle terre da scavo fornendo così agli enti deputati al controllo, ed al Comune in particolare, gli strumenti più idonei per collazionare un quadro di conoscenza, il più approfondito possibile, delle movimentazioni e degli utilizzi delle terre e rocce da scavo in ambito provinciale;

RILEVATO che:

l’art. 4 de “istituzione e regolamento del corpo di polizia municipale”, prevede che “Il personale del Corpo, nei limiti delle proprie attribuzioni e nell’ambito delle direttive impartite dal Sindaco o dall’Assessore delegato, provvede … a… vigilare sull’osservanza delle leggi, dei regolamenti e delle disposizioni emanate dallo Stato, dalla Regione, dalla Provincia e dal Comune, con particolare riguardo alle norme concernenti… la circolazione stradale, l’edilizia, l’urbanistica, la tutela dell’ambiente… e la vigilanza igienico-sanitaria”;

INTERROGA 

Il Sindaco e gli Assessori competenti per sapere se:
1. intendano verificare con sollecitudine tutte le circostanze esposte nella presente interpellanza;
2. se sia stato rilasciato un titolo abilitativo (permesso di costruire o DIA) che autorizzi la proprietà alla realizzazione dei lavori di scavo, sbancamento, asporto del materiale inerte e lavorazione con il vaglio;
3. intende promuovere opportuni rilievi strumentali mirati a valutare la conformità delle opere fino ad oggi realizzate con l’eventuale titolo abilitativo rilasciato;
4. se l’impresa esecutrice dei lavori, sta realizzando le opere in conformità al titolo abilitativo e, in caso di accertata difformità, come si intenda intervenire;
5. se le terre e rocce da scavo sono state gestite secondo le modalità indicate dalla D.G.R.V. 2424/2008 a titolo “Procedure operative per la gestione delle terre e rocce da scavo ai sensi dell’art. 186 del d. Lgs. N. 152/2006” e in particolare se il titolare del titolo abilitativo ha presentato la modulistica obbligatoria dell’allegato A della medesima deliberazione;
6. se siano state appurate violazioni tali da richiedere la segnalazione all’autorità giudiziaria e se prima del rilascio del titolo abilitativo sia stata effettuata una ispezione da parte degli uffici e con quale risultato;
7. se siano state appurate violazioni sanzionabili ai sensi dell’art. 33 della legge regionale 33/1982;
8. quali stanziamenti dispone l’Amministrazione Comunale per l’attuazione di controlli mirati in merito all’abusivismo edilizio;
9. è intenzione dell’Amministrazione Comunale pubblicare periodicamente sul sito internet del Comune di Sona, i dati relativi agli immobili e alle opere realizzati abusivamente (art. 31 comma 7 del d.p.r. 380/2001 e art. 89 comma 6 legge regionale 27 giugno 1985 n. 61) nello spirito di una comunicazione diretta, trasparente nei confronti dei cittadini;

CHIEDE
1. un’urgente e sollecita risposta scritta trattandosi di una questione inerente alla tutela ambientale;
2. di essere tempestivamente notiziato in caso di archiviazione al fine di poter esperire tempestivamente eventuale opposizione.

AVVERTE
1. l’art. 27 del D.P.R. 380/01, prevede degli adempimenti obbligatori per il Comune i quali non possono essere disattesi e per l’adempimento dei quali, con la presente, si pone formale istanza;
2. ai sensi dell’art. 16 della L. 86/90 (che ha modificato l’art. 328 del Codice Penale) la risposta alla suesposta istanza deve pervenire nel termine di 30 giorni dalla ricezione della richiesta medesima.