Sangio al Fredo 2018: un successo l’evento invernale dell’Associazione ViviSanGiorgio, che ha puntato sulla solidarietà

Ascolta questo articolo

Immersi in un clima polare che non si registrava da anni, sabato 24 e domenica 25 febbraio scorsi, per la seconda volta la piazza di San Giorgio in Salici ha preso vita per elargire generosità con il trascinante evento di “Sangio al Fredo” edizione 2018.

L’Associazione ViviSanGiorgio ha saputo ideare ed organizzare anche quest’anno un evento che ha saputo muovere alla solidarietà moltissime persone.

“Il ricavato dell’intera manifestazione, pari a 2.028 euro, è andato al SOS di Sona per l’acquisto di una nuova ambulanza – racconta infatti Massimo Barrichello, uno degli organizzatori – ed è stato consegnato direttamente nelle mani del presidente del SOS, Pierluigi Briggi che era presente con altri volontari alla serata del resoconto della festa tenutasi lunedì 12 marzo scorso. I nostri compaesani conoscono l’organizzazione di ViviSanGiorgio: puntuale, capillare ed entusiasmante”. Nella foto sopra il momento della consegna al SOS dell’assegno.

Ma come è andata la bellissima seconda edizione di Sangio al Fredo?

Numerose persone sia nel pomeriggio che nella serata del sabato 24 febbraio hanno partecipato ad una tombolata “interattiva” nel salone parrocchiale, con premi molto allettanti! Nel frattempo, sul piazzale della chiesa, il grande freddo non ha certo affievolito il caloroso entusiasmo di bambini, giovani e famiglie alle prese con i giochi in piazza. Tra le varie postazioni allestite, c’erano: lo schiaccianoci, il gioco dei barattoli, indovina la misura dell’altezza della forma di formaggio Asiago appesa alla parete con la lettiga e altri ancora.

La domenica pomeriggio poi si sono tenute le due modalità di caccia al tesoro per le vie di San Giorgio: una versione Family con domande e percorso più adatto ai ragazzi e una versione Adventure per i più temerari!

Ben undici squadre hanno, a loro volta, coinvolto molte persone del paese per venire a conoscenza di particolari storici di San Giorgio. Quindi tanti giovani e famiglie che hanno attinto alla memoria e saggezza dei nostri anziani. Tanta allegria ha animato le strade del paese: il clima particolarmente rigido delle due giornate non ha intimorito i partecipanti e comunque è stato mitigato da buon brulè, cioccolata calda, bombardini e da piatti prelibati dispensati negli stand gastronomici.

“Per noi organizzatori di ViviSanGiorgio non è stata una passeggiata – spiega Moris Vantini, un altro degli organizzatori -; sono stati due giorni davvero intensi, ma vedere l’entusiasmo ed il sostegno negli occhi di chi partecipa non ha prezzo, sono la scintilla del nostro operare!”

“Un ringraziamento speciale – prosegue Massimo Barrichello – va alla parrocchia per averci concesso gli spazi, alle varie associazioni del paese che sempre collaborano con noi e a tutti gli abitanti di San Giorgio per la loro generosità e fiducia che puntualmente, ormai, ci regalano. Arrivederci al Palio di Giugno!”.

.