San Giorgio in Salici: Scomparso a novant’anni Francesco Farina, fu assessore a Sona nel quinquennio 1970-1975

Ascolta questo articolo

Lo scorso 11 gennaio è deceduto Francesco Farina, che fu eletto consigliere comunale di Sona, per la Democrazia Cristiana, per il quinquennio 1970–1975, terzo mandato del sindaco Carlo Scattolini, in rappresentanza del comparto agricolo.

Fu quindi nominato assessore per la frazione di San Giorgio in Salici, anche se si “sentiva” più di San Rocco, come ci disse durante un’intervista di alcuni anni orsono.

La località in effetti da sempre aveva potuto contare su una propria “autonomia” in quanto disponeva di corsi di scuola elementare da molti anni e di un edificio nuovo, costruito nel 1937 durante il Regime fascista e di una messa domenicale nella chiesetta locale.

Francesco Farina, classe 1930, ha vissuto a San Rocco dalla nascita. Il padre, e lui stesso, lavorarono come mezzadri nelle proprietà del Conte Cavazocca.

Francesco acquistò, in età adulta, la proprietà della terra sulla quale esercitò per tutta la vita l’attività di agricoltore. Si sposò con Maria e dal matrimonio nacquero tre figli: Giorgio, Luciana e Laura.

Ci ricordò, nell’intervista rilasciata al Baco, che nell’area c’erano le grandi proprietà terriere dei Conti Cavazocca, Guarienti e Giusti e “tutti” per molti decenni, prima e dopo la guerra, lavorarono per loro in qualità di mezzadri o salariati.

In anni successivi però, molti giovani cercarono nell’industria del veronese una diversa occupazione per cui nella zona la vera emigrazione, verso Paesi stranieri, come successe in altri Comuni della provincia, fu di assai modesta dimensione.

Oltre che amministratore comunale fu cofondatore e, per trentacinque anni, consigliere d’amministrazione della Cantina Sociale vitivinicola di Custoza.

Ai famigliari le condoglianze del Baco.