San Giorgio in Salici: Il Comune deve fare chiarezza sui lavori in corso

Ascolta questo articolo

Da quasi un anno San Giorgio chiedeva, anche dalle pagine del Baco, che fosse sistemato l’incrocio di fondo paese almeno con un minimo di segnaletica orizzontale ed in questi giorni finalmente i lavori sono iniziati.

Il piano del traffico già nel 2004 osservava che in questo punto della viabilità sangiorgiana. “La gestione dello spazio dell’intersezione non è ottimale: gli eccessivi spazi liberi e la mancanza di una segnaletica precisa alzano il numero dei punti di conflitto e complicano il transito e l’attraversamento per i pedoni, che non dispongono di spazi adeguatamente protetti. Le banchine laterali vengono arbitrariamente utilizzate per la sosta dei veicoli.” 

Ed indicava anche gli interventi da effettuare: ”L’eliminazione dei punti di conflitto e degli spazi mal sfruttati dell’intersezione si potrebbe ottenere con la realizzazione di una mini-rotatoria. Questa soluzione consentirebbe allo stesso tempo di recuperare uno spazio utile alla creazione di adeguati percorsi pedonali da una parte ed al riordino degli stalli di sosta dall’altra. È consigliabile, in particolare, dare continuità ai marciapiedi di via Belvedere per garantire un collegamento con gli impianti sportivi di via Segradi.”

Quindi il progetto avrebbe dovuto riguardare una piccola rotatoria, percorsi pedonali sicuri e delimitazione di alcuni parcheggi.

Ma le indicazioni date dal piano del traffico sono parse a tutti immediatamente disattese.

Dai profili di cemento posizionati non si intravede nessuna rotatoria e per quanto riguarda il riordino dei flussi di traffico addirittura il caos. Sono state create due corsie per chi arriva dalla Chiesa: una in direzione degli impianti sportivi, un’altra per chi deve raggiungere i Gaburri. La terza corsia è riservata invece per il traffico che arriva in senso opposto, ma quelli che arrivano da Via Gaburri avranno direzione obbligata verso la Chiesa e quindi non ci sarà più la possibilità di raggiungere gli impianti sportivi.

Con questa disposizione degli spazi non si capisce esattamente quale sarà la continuità del marciapiede di via Belvedere verso gli impianti sportivi.

Da ogni parte arrivano commenti di disapprovazione della soluzione adottata; nessuno purtroppo conosce con precisione il progetto in quanto nessuno dell’amministrazione si è preso la briga di presentare l’intervento anche all’interno di un riordino complessivo della viabilità del centro storico.

Dopo le proteste che arrivavano da tutte le parti l’amministrazione, con un gesto tardivo, è corsa ai ripari allestendo in fretta e furia un incontro pubblico per presentare i lavori sulla viabilità giovedì 7 febbraio prossimo.

Non capiamo questo modo di operare, anche perché sarebbe stato più logico ed anche corretto che almeno un’assemblea di presentazione del progetto di viabilità per San Giorgio fosse stata indetta prima dello sbandierato inizio dei lavori. Certo la campagna elettorale incombe e quindi bisogna realizzare qualcosa anche a San Giorgio…

A questo punto bisogna che i cittadini di San Giorgio facciano sentire forte la loro voce perchè questo progetto sia rivisto nei termini indicati sia dal buon senso che dal piano del traffico.