San Giorgio: Fuori pericolo il ragazzo caduto dal tetto nella navata centrale della chiesa durante la messa

Ascolta questo articolo

Come abbiamo raccontato a pochi minuti dal fatto, poteva trasformarsi in una vera tragedia quella avvenuta sabato 17 gennaio verso le 19 a San Giorgio in Salici. Un ragazzo di 18 anni è precipitato all’interno della navata centrale nel pieno della celebrazione eucaristica vespertina.

Il giovane, classe 2002 e residente nella frazione, si è introdotto nel cantiere allestito all’esterno dell’edificio, assieme ad un coetaneo, salendo sull’impalcatura e raggiungendo, attraverso le scale, il tetto della chiesa.

Tramite una porticina sono poi scesi nel sottotetto, ma è bastato un passo falso e il supporto sul quale uno dei due giovani si era proteso non ha retto, facendolo precipitare per oltre quindici metri. Nella foto sopra è indicato lo squarci dal quale è caduto.

“E’ stato sconvolgenteasserisce uno dei fedeli presenti alla celebrazioneall’inizio si è sentito un gran fragore, un rumore di legno spezzato e immediatamente dopo ho visto il corpo di un ragazzo scendere diritto verso il pavimento. Scendendo ha sbattuto sul leggio, sfiorando padre Giampaolo Mortaro che stava celebrando l’eucarestia”.

Alla celebrazione era presente anche un’infermiera che ha prontamente fornito assistenza al giovane e chiamato il 118. Il ragazzo, nonostante la caduta e l’impatto, è rimasto vigile rispondendo alle domande postegli dall’infermiera.

Immediato l’arrivo dell’ambulanza e dei carabinieri che hanno subito soccorso il diciottenne. Sul luogo dell’incidente sono arrivati anche la Polizia Locale, il sindaco di Sona e l’assessore Cimichella.

Il compagno del diciottenne precipitato, che inizialmente era fuggito dalla scena, è poi tornato indietro per sincerarsi delle condizioni di salute dell’amico, e fornire in seguito le dinamiche dell’accaduto.

Tanta la paura e lo sgomento da parte dei fedeli, tra cui il parroco padre Mortaro che, visibilmente scosso, ha visto il diciottenne precipitare vicino a sé. 

Dopo esserci sincerato delle condizioni del ragazzo e dopo i dovuti accertamenti e dichiarazioni fornite ai carabinieri, padre Mortaro ha chiesto ai fedeli rimasti di pregare per la vita del giovane. 

Il ragazzo ora si trova ricoverato all’ospedale di Borgo Trento, dove è stato trasportato subito dopo l’incidente. Ad oggi le sue condizioni non risultano più critiche, così come si era ipotizzato ieri sera, riporta infatti solamente varie fratture a seguito della caduta.

Il cantiere ora è sottoposto a sequestro.