Questionario del Baco: rispondono Clara e Sergio Castioni, storici edicolanti di Lugagnano

In questo numero hanno accettato di rispondere al questionario del Baco Clara e Sergio Castioni, notissimi edicolanti di Lugagnano. Nati, cresciuti e sposati giovanissimi a Sommacampagna nel 1974, hanno due figli, Martina e Alessandro.

Arrivano a Lugagnano nel 1984 quando rilevano l’edicola dalla signora Lidia Tosoni, di San Massimo, che forse qualche lugagnanese ricorda ancora. Un aneddoto simpatico che raccontano è sicuramente quello dell’allora Sindaco Angelo Boscaini che li presentò pubblicamente ad una sagra dicendo: “Vi presento i signori Castioni, che ci hanno portato un po’ di cultura a Lugagnano!”. 

Ecco le loro risposte al questionario.

Il tratto principale del tuo carattere?

Sergio: Serio, affidabile, riservato.

Clara: Allegra, solare ed ironica.

La qualità che preferisci in un uomo?

Sergio: Sincerità e la capacità di gestire un rapporto.

Clara: Approccio diretto e semplicità nei modi.

La qualità che preferisci in una donna?

Sergio: Gentilezza e lealtà.

Clara: L’amore per le persone e la natura.

Quel che apprezzi di più nei tuoi amici?

Sergio: Disponibilità e concretezza.

Clara: Sincerità ed aiuto.

Il tuo principale difetto?

Sergio: Credere troppo nelle persone.

Clara: Non saper dire no ad una richiesta d’aiuto.

Il tuo sogno di felicità?

Sergio: Annullare le distanze tra i popoli.

Clara: Pace e giustizia per gli ultimi della Terra.

Quale sarebbe, per te, la più grande disgrazia?

Sergio: Il ritorno della guerra.

Clara: Perdere la capacità di sognare.

Il Paese dove vorresti vivere?

Entrambi: In Italia, ma con tantissime correzioni…

Il colore che preferisci?

Sergio: Rosso.

Clara: Tutte le sfumature del blu.

La bevanda preferita?

Entrambi: Acqua.

Il piatto preferito?

Sergio: Riso, in ogni versione.

Clara: La pasta fatta in casa.

I tuoi eroi nella vita reale?

Sergio: Persone che si dedicano per il bene comune.

Clara: Donne semplici che assistono in silenzio e senza aiuto i propri cari ammalati.

Il giorno più importante della tua vita?

Sergio: Il giorno del matrimonio.

Clara: La nascita dei miei figli e tutti i giorni che incontro un nuovo amico.

Quel che detesti più di tutto?

Sergio: L’ignoranza e la prepotenza.

Clara: Il potere, l’arroganza e la stupidità.

In che città vorresti vivere?

Entrambi: Qualsiasi città dove non c’è razzismo e le persone valgono per come sono.

Cosa ti piace di più di Lugagnano?

Entrambi: Le persone semplici, con capacità critica.

Il personaggio storico che disprezzi di più?

Entambi: I dittatori del passato senza distinzioni, ma anche quelli di questi tempi.

Il dono di natura che vorresti avere?

Sergio: Mi accontento di quello che ho.

Clara: Il dono di imparare in fretta altre lingue per poter conoscere di più.

Come vorresti morire?

Entrambi: Dolcemente e magari insieme.

Stato attuale del tuo animo?

Sergio: Pessimista ma attivo.

Clara: Ottimista ma preoccupata.

Le colpe che ti ispirano maggiore indulgenza?

Entrambi: Le colpe dei poveri disgraziati.

Il tuo motto?

Sergio: Cultura, cultura, cultura.

Clara: Non arrendermi mai e ricercare sempre la verità.