Riparte lo studio assistito

Ascolta questo articolo

L’idea sostenuta l’anno scorso da parte dei genitori dell’Associazione Cav. Romani di Sona di favorire lo studio dei ragazzi che frequentano le scuole superiori organizzando delle aule studio ha avuto un successo particolare.

 

Quest’anno infatti non solo si replica a Sona ma, grazie all’interesse colto da parte dell’assessorato alle politiche giovanili gestito con delega dal consigliere Matteo Tinelli, le aule per lo studio assistito sono state aperte anche a San Giorgio in Salici.

 

L’iniziativa ha avuto inizio il 16 febbraio a Sona presso le sale parrocchiali ed il 17 febbraio a San Giorgio presso la sala civica e si svolge il lunedì ed il giovedì a Sona ed il martedì e venerdì a San Giorgio in orario 15.30-18.00.

 

L’idea dello spazio riservato allo studio nasce dal bisogno di tenere lontani tutti quegli elementi di disturbo (tv, pc, cellulare, radio) che individualmente i ragazzi così disincantati dall’uso delle tecnologie non riescono però a dominare ed a controllare. Si ricorda che l’iniziativa proseguirà fino alla metà di maggio.

 

Chi partecipa sottoscrive una quota di 10 euro al mese (con CartaGiovani) come valore simbolico di assunzione di responsabilità rispetto alla sua partecipazione all’iniziativa. Il coordinamento operativo dell’iniziativa a Sona è a cura di Nadia Benato, mentre a San Giorgio in Salici è a cura dell’educatrice Francesca Faccincani con il supporto esterno di Massimo Cinquetti, altro insegnante di scuola superiore ben consapevole delle difficoltà di studio degli adolescenti. A chi è interessato è sufficiente che si presenti direttamente presso le sedi durante l’orario di apertura.

 

Articolo precedenteIncendio a Lugagnano
Articolo successivoLugagnano: Freccette agli ottavi di finale
Enrico Olioso
Nato a Bussolengo il 16 agosto 1964, risiede dall’età di 5 anni a Sona (i primi 5 anni a Lugagnano). Sposato con due figli. Attivo nel mondo del volontariato fin dall’adolescenza, ha fatto anche esperienza di cooperazione sociale. È presidente dell’associazione Cav. Romani, socio Avis dal 1984 e di Pro Loco Sona dal 2012. Fa parte della redazione di Sona del Baco da Seta dal 2002. È tra gli ideatori del progetto Associazioni di Sona in rete attivato nel settembre 2014 e del progetto Giovani ed Associazioni attivato nel 2020.