Ricambio generazionale in associazione: si può fare? Un laboratorio aperto al volontariato veronese

Il ricambio generazionale nelle associazioni è sempre più spesso nodo centrale per la sopravvivenza delle associazioni. Il ricambio generazionale è fondamentale nel coinvolgimento di nuove giovani risorse nei contesti di volontariato.

Il ricambio generazionale è però una cosa molto difficile da mettere in atto. Per questo motivo alcune associazioni hanno pensato di organizzare un laboratorio formativo rivolto a tutte le realtà associative del territorio veronese.

È un percorso che fa parte del progetto di rete promosso dal Centro Servizi per il Volontariato di Verona ed organizzato dalla Rete di associazioni “Volontariamente” aderenti al CSV di Verona che hanno unito le loro forze e competenze per costruire un approccio efficace nell’avvicinare i giovani alle realtà di volontariato veronesi. La rete è composta da Associazione Cavalier Romani di Sona, Associazione CTG, Associazione Per un mondo migliore e Associazione Fissa Soccorso Alpino.

Il laboratorio è articolato in tre incontri presso la sede di 311Verona in Lungadige Galtarossa, 21 a Verona e seguirà il seguente percorso:

28 novembre 2017 (ore 19-22) – Affrontare il cambiamento in associazione. Durante questo incontro si lavorerà sul riconoscere le leve del cambiamento presenti in ciascuna associazione, condizione imprescindibile per attivare il ricambio generazionale.

6 dicembre 2017 (ore 19-22) – Esperimenti riusciti di ricambio generazionale. Il secondo incontro sarà accompagnato da uno o due testimoni privilegiati che racconteranno la loro esperienza associativa di cambiamento riuscito.

19 dicembre 2017 (ore 19-22) – Accogliere i giovani in associazione: strumenti. Il terzo incontro prevede un laboratorio di costruzione di strumenti utili all’accoglienza e alla permanenza di nuovi volontari nei contesti associativi.

Le serate saranno gestite dal formatore Massimo Merlini. Per iscrizioni selezionare il seguente link, per informazioni contattare il 328-0716829 oppure scrivere a cavromani@libero.it.