Restaurato il cippo del Finiletto a Rosolotti. Sabato 25 giugno l’inaugurazione, per il 150° della Terza Guerra d’Indipendenza

Per la ricorrenza del 150° anniversario della terza guerra d’indipendenza del 1866, della battaglia di Custoza e dell’unione del Veneto all’Italia, è stato restaurato il cippo funerario esistente su un monticello nei pressi di corte Finiletto, in via Fenilon a Rosolotti di S. Giorgio in Salici.

Il piccolo monumento ricorda i nomi di quattro ufficiali austriaci e di un ignoto soldato italiano, con la data 24 giugno 1866, giorno della sfortunata battaglia di Custoza e del combattimento della vicina corte Pernisa.

E’ stata anche rimessa la croce in pietra simile a quella originaria che era da tempo scomparsa. Alcuni volontari dell’Associazione La Torre di Palazzolo hanno cercato l’originaria croce in otto cimiteri dei paesi vicini, nell’ipotesi che fosse stata messa su qualche tomba. Non è stata trovata ma ne è stata trovata un’altra dismessa nel cimitero di Salionze, molto simile alla prima per dimensioni e tipo di marmo e il Comune di Valeggio ha consentito che fosse recuperata e restaurata per il cippo di Rosolotti.

La proposta del restauro era partita dal Gruppo di ricerca storica della Biblioteca comunale, insediato dall’Amministrazione Comunale di Sona.

La famiglia Bortolazzi, proprietaria del luogo, era ben contenta dell’operazione ed ha provveduto a costruire una rampa di accesso al cucuzzolo, mentre i lavori di restauro e pulizia del monumento, di disboscamento della parte sommitale e di posa di una palizzata di protezione sono stati eseguiti da alcuni benemeriti volontari della sezione Combattenti e Reduci di S. Giorgio in Salici.

Il Comune di Sona ha provveduto a coprire le spese vive per acquisto dei materiali necessari e dei pali per la palizzata di protezione. Saranno poste anche le indicazioni stradali e una targa commemorativa vicino al cippo.

L’inaugurazione ufficiale del monumento avverrà sabato mattina 25 giugno con ritrovo alle ore 9,30 presso corte Bortolazzi in via Fenilon 2, cui seguiranno la Santa Messa e gli interventi delle autorità, con alla fine un rinfresco per tutti.

Nella galleria di foto qui sotto il capitello appena realizzato, prima dell’intervento e durante i lavori di restauro. Nell’immagine sopra il capitello come si presenta oggi, senza la croce che viene posta in questi giorni.

Luigi Tacconi
Nato a Palazzolo il 10 settembre 1939, è scomparso l'11 gennaio 2022. Laureato in Scienze Agrarie, ha operato nell’Amministrazione comunale di Sona per vent’anni, come consigliere, assessore e vicesindaco. Ha partecipato alla stesura dei tre volumi storici del Baco sulla storia di Sona, oltre a scrivere innumerevoli articoli sulla storia locale.