Questionario del Baco: risponde Pierluigi Briggi, storico volontario e Presidente del SOS

Il Presidente del SOS di Sona Pierluigi Briggi.

Riprende la rubrica “Il Questionario del Baco” con la quale andiamo a conoscere in maniera leggere a scherzosa alcuni nostri concittadini. Si tratta di una serie di domande, sulla scorta del celebre “Questionario di Proust”, volte a conoscere i gusti e le aspirazioni personali di chi vi risponde. Malgrado la denominazione possa indurre a pensare che sia stato creato da Marcel Proust, il grande scrittore francese si limitò a fornire le proprie risposte.

Oggi è il turno di Pierluigi Briggi (nella foto). Nato a Bussolengo il 7 ottobre 1960, da sempre risieda a Lugagnano. Originario dal Borgo, ora abita dall’altra parte del paese, in Via Cao del Prà, con la moglie Elisabetta ed i due figli Marco e Alessandro. Lavora come Tecnico Commerciale presso l’Alpiq InTec Verona SpA, che opera nel settore degli impianti tecnologici.

Da molti anni svolge attività di volontariato presso l’Associazione SOS di Sona, e da più di un anno ne è anche il Presidente.

Il tratto principale del tuo carattere?
La disponibilità.

La qualità che preferisci in un uomo?
La sincerità.

La qualità che preferisci in una donna?
La sincerità.

Quel che apprezzi di più nei tuoi amici?
La complicità.

Il tuo principale difetto?
Sono un “pochino” permaloso.

Il tuo sogno di felicità?
Viaggiare di più.

Quale sarebbe, per te, la più grande disgrazia?
Sopravvivere ai figli.

La nazione dove vorresti vivere?
Hawaii o Polinesia.

Il colore che preferisci?
Azzurro.

La bevanda preferita?
Birra.

Il piatto preferito?
Da veronese doc la pearà.

I tuoi eroi nella vita reale?
I nuovi Santi come Madre Teresa.

La tua canzone preferita?
Tante, dipende dal momento e dallo stato d’animo.

Il tuo libro preferito?
Il Piccolo Principe e la collana di Montalbano.

Il giorno più importante della tua vita?
La nascita dei miei figli.

Quel che detesti più di tutto?
L’ingiustizia ma anche la “faccia” di alcune persone.

In che città vorresti vivere?
Sul mare, magari Lampedusa.

Cosa ti piace di più di Lugagnano?
Che per ora è ancora un paese.

Cosa ti piace di meno di Lugagnano?
Che sta diventando troppo grande.

Il personaggio storico che disprezzi di più?
Tutti quelli che a vario modo sfruttano la gente.

Il dono di natura che vorresti avere?
Riuscire a capire certe persone.

Come vorresti morire?
Senza rimpianti.

Stato attuale del tuo animo?
Felice.

Le colpe che ti ispirano maggiore indulgenza?
In genere non porto rancore.

Il tuo motto?
Ne avrei due: “Non lasciare che il sole tramonti sulla tua ira” e “Mettetevi una mano sul cuore”.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

La Redazione
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews