Questionario del Baco: Risponde Eliseo Merzari, Presidente e anima del Carnevale di Lugagnano

Prosegue la rubrica “Il Questionario del Baco” con la quale andiamo a conoscere in maniera leggere a scherzosa alcuni nostri concittadini. Si tratta di una serie di domande, sulla scorta del celebre “Questionario di Proust”, volte a conoscere i gusti e le aspirazioni personali di chi vi risponde. Malgrado la denominazione possa indurre a pensare che sia stato creato da Marcel Proust, il grande scrittore francese si limitò a fornire le proprie risposte.

Oggi è la volta di Eliseo Merzari, classe 1951, residente a Lugagnano dalla nascita è sposato con Maria Luisa Campagnola dal 1978 e padre di Fabiano e Chiara. Presidente dell’Associazione Carnevale Benefico Lo Tzigano dal 1993 e membro della FECC Federazione Europea Città dei Carnevali, presidente della Magnalonga e membro del Comitato Sagra di Lugagnano, da 50 anni partecipa alla realizzazione del presepe in parrocchia. E’ sempre disponibile quando si tratta di preparare da mangiare per gruppi numerosi o per aiutare chi più bisognoso. E’ un vulcano di idee e i suoi collaboratori lo apostrofano “Iseo frena, altrimenti non ti fermi più!”

Il tratto principale del tuo carattere?
Testardo.

La qualità che preferisci in un uomo?
Sincerità.

La qualità che preferisci in una donna?
Sincerità.

Quel che apprezzi di più nei tuoi amici?
La lealtà.

Il tuo principale difetto?
La testardaggine.

Il tuo sogno di felicità?
La serenità famigliare.

Quale sarebbe, per te, la più grande disgrazia?
Perdere le persone più care.

La nazione dove vorresti vivere?
Italia.

Il colore che preferisci?
Bianco.

La bevanda preferita?
Vino.

Il piatto preferito?
Pasta all’amatriciana come la prepara mia figlia.

I tuoi eroi nella vita reale?
Papa Francesco, più che eroe una persona che apprezzo particolarmente.

La tua canzone preferita?
‘Piccola Katy’ dei Pooh.

Il tuo libro preferito?
‘Gomorra’ di Roberto Saviano.

Il giorno più importante della tua vita?
La nascita dei miei figli.

Quel che detesti più di tutto?
La falsità.

In che città vorresti vivere?
In quella in cui vivo: Verona.

Cosa ti piace di più di Lugagnano?
Le tante associazioni che operano sul territorio.

Cosa ti piace di meno di Lugagnano?
I pettegolezzi della gente.

Il personaggio storico che disprezzi di più?
Hitler.

Il dono di natura che vorresti avere?
Essere più flessibile.

Come vorresti morire?
Sereno e senza rimorsi.

Stato attuale del tuo animo?
Sempre attivo.

Le colpe che ti ispirano maggiore indulgenza?
Quelle di chi a volte sbaglia ma impegnandosi a fondo in quello che fa.

Il tuo motto?
Non mollare mai.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Articolo precedente“La mia passione imprescindibile per la danza”, Arianna di Lugagnano
Articolo successivoDon Stefano Grisi di Lugagnano nominato parroco di Soave, Castelcerino, Castelletto e Fittà
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews