“Questa è l’America” di Francesco Costa. Un libro per conoscere gli USA oltre i luoghi comuni, nel giorno dell’insediamento di Biden

La Recensione

Francesco Costa è un giornalista italiano che è divenuto famoso grazie al progetto “Da Costa a costa”, un nuovo modo di fare giornalismo basato su podcast settimanali, che dal 2015 fanno conoscere agli italiani gli Stati Uniti d’America.

Tanti sono convinti di sapere anche troppo degli USA perché la cultura americana ha invaso l’Europa da tempo e in tutti gli ambiti possibili, dal cinema all’alimentazione. Tuttavia, ascoltando Costa, ci si rende conto di quanto in realtà la nostra conoscenza sia parziale e legata a troppi stereotipi.

La copertina del libro di Francesco Costa.

Recentemente siamo stati più o meno tutti coinvolti dalla battaglia elettorale che ha visto protagonisti Joe Biden e Donald Trump, rimanendo esterrefatti quando, dopo la vittoria di Biden, si sono scatenate violente proteste che hanno addirittura portato i sostenitori del candidato sconfitto all’assalto del Congresso.

Costa ha anche scritto due libri sugli States. Il secondo è uscito da pochi giorni e presenta la storia dei protagonisti della nuova era della politica americana, Kamala Harris e il neopresidente Joe Biden, mentre il primo volume, “Questa è l’America”, uscito un anno fa, è un saggio che racconta le abitudini e le contraddizioni americane per argomenti. Ogni capitolo affronta un tema diverso: droghe, sanità, economia, diffusione delle armi da fuoco, città e e periferie, squilibri economici.

Più in generale si prende coscienza, leggendo, dei tremendi contrasti ma anche dei principi basilari che stanno a fondamento della società americana e del suo sterminato territorio, e si sfatano tanti luoghi comuni perché, come dice l’autore, “ci sono pochi posti nel mondo dove il divario tra quello che crediamo di sapere e quello che sappiamo è tanto ampio quanto nel caso degli Stati Uniti.”

“Gli USA sono come una macchina che viaggia veloce alla più alta velocità possibile. Finchè nulla si rompe o finchè uno riesce a rimanere attaccato va tutto bene. La sensazione, per l’americano medio, è sempre quella di essere in costante precarietà, in cui basta poco per perdere quanto ci si è guadagnato fino a quel momento”.

La Scheda

“Questa è l’America” di Francesco Costa, Mondadori, 2020, pp.204.