Documentario sul Giorno del Ricordo: “Pure io uso il ‘non avete capito’”

Ascolta questo articolo

L’autore della recensione del documentario offerto dall’Amministrazione Comunale in occasione del Giorno del Ricordo replica alla lettera che il regista Quattrina ha scritto al Baco per contestare quella recensione



Uso anch’io il “non avete capito”, poiché mi sono reso conto che le mie parole hanno assunto significati non voluti.

 

Lungi da me la volontà di delegittimare professionalità altrui non conosciute nello specifico, ma di tutto rispetto, tenendo conto di quanto è stato riferito: “corrispondente di guerra, recupero di filmati inediti, indicazioni didattiche innovative ecc”.

 

Con il mio intervento intendevo fare emergere solamente quanto segue:

 

Le Giornate del Ricordo e della Memoria sono dei passaggi così unici e così poco seguiti che dovrebbero essere utilizzati al meglio, con contributi specifici e particolarmente “mirati”. Ho ritenuto di vedere in quello che è stato presentato quest’anno, compreso il metodo didattico di presentazione, un fuori tema. Ho scelto di non confrontarmi a fine serata con il regista Quattrina, non fornendo quindi “un contributo utile”, per la lontananza delle problematiche presentate dal merito del significato della serata.

 

La critica non era riferita quindi in modo particolare al regista Quattrina ed al suo lavoro, bensì piuttosto alla scelta dell’Amministrazione comunale.

 

Devo dire che è stata la sorpresa per quanto presentato, abbinata al forte apprezzamento per un Assessorato alla Cultura e per un Servizio “Biblioteca comunale” che, negli ultimi anni, non hanno mai sbagliato un colpo, a portarmi ad elaborare un testo forse un poco aspro.

 

Ho seguito, da spettatore interessato, tutti gli incontri sulle due Giornate-ricorrenza, dal 2001 una e dal 2005 la seconda, appuntamenti che il nostro Comune non ha mancato una sola volta di onorare. E ho sempre apprezzato le ottime proposte offerte, con punte di eccellenza, meritevoli di platee ben più consistenti.

 

Non ho mai mancato di riferirlo sul Baco, anche con dovizia di particolari. Non ritenevo corretto fornire, in questa occasione, un resoconto compiacente.