“Posta che non arriva (quasi) mai”

Perdura nel Comune di Sona il problema dell’inefficienza del servizio postale. Pubblichiamo oggi l’ennesima lettera di protesta inviataci da un nostro lettore.

 

Come cittadino che paga le tasse mi sento offeso dal servizio offerto (e pagato in anticipo) da Poste Italiane.

 

Vivo a Sona (non sulla Marmolada) e da 2 (due) mesi ricevo la corrispondenza (tutta?) una volta la settimana. Lavoro a Verona (non in cima al K2), in ZAI, e l’azienda per cui lavoro non riceve corrispondenza da 10 giorni. Qualsiasi tentativo di contatto con Poste Italiane (quelle della pubblicità che vende tutto) è caduto nel nulla.

 

Sono mortificato. (Poste Italiane non dovrebbero, mi chiedo, dare priorità alla corrispondenza, e poi eventualmente vendere gadgets e tessere prepagate?). Cosa posso/possiamo fare per far si che un servizio funzionante già ai tempi dei romani, se non prima, ritorni ad una tempistica accettabile?

 

Ringraziando e sperando.

Un cordiale saluto.
Claudio Simone