Politica a Sona: Progetto Comune cambia pelle, nasce “Verona domani per Sona”

Sono trascorsi oltre un anno dalle scorse elezioni amministrative e circa sette mesi da quando incontrammo in occasione di due interviste diverse i Consiglieri di minoranza di Progetto Comune, il venticinquenne Nicolò Ferrari (nella foto in alto) e l’ex Sindaco Flavio Bonometti. I pezzi della scacchiera politica, tuttavia, non smettono di muoversi: il 12 luglio scorso è nato “Verona Domani per Sona”, un gruppo civico di centro destra, formato da molti componenti della Lista Progetto Comune che si è presentata alle scorse elezioni e che era sostenuta, appunto, dal gruppo Verona domani di Stefano Casali.

Il gruppo è nato dalla volontà di creare qualcosa di più grande e strutturato spiega Nicolò Ferrari al Baco al fine di approfondire tematiche e problemi del nostro territorio, raccogliere e discutere tra di noi osservazioni e argomenti prioritari per la cittadinanza”.

Verona domani per Sona è composto per oltre la metà da giovani sotto i trent’anni; ma non mancano figure con esperienze amministrative alle spalle: il direttivo del gruppo è composto dal Presidente Ferrari, dalla vicepresidente Daniela Grigoli, dal segretario Fernando Scandola, dal tesoriere Gaetano Bellè, e dai consiglieri Michele Bianchi, Beatrice Costa, Matilde Titoni ed Elia Varotti.

Dopo un anno di assestamento abbiamo capito che occorreva dare una svolta, creare un’alternativa valida e competente per il futuro – prosegue Ferrari – e costituire sinergie amministrative. ‘Verona Domani per Sona’ è nato anche grazie alla collaborazione di Matteo Gasparato, presidente del Consorzio Zai, e dei consiglieri regionali Stefano Casali e Andrea Bassi.

Come specificato da Nicolò, l’attività di Verona domani per Sona si concretizzerà attraverso la politica di opposizione in Consiglio comunale insieme a Flavio Bonometti. “Ciò non esclude, però, che nascano eventi o attività anche al di fuori della sala consiliareSposiamo il progetto di ‘Verona Domani’ – spiega Ferrari – in quanto si tratta di un movimento basato sui valori del centro-destra, possiede una forte componente civica e, soprattutto, propugna un’idea di politica diversa, che si concretizza con azioni propositive, collaborazione e sano confronto. Noi a Sona tra quattro anni non vorremo solo partecipare.

‘Verona domani per Sona’ si è presentato al Baco come un gruppo corale: pur non nascondendo la propria eterogeneità, il coordinamento tra le parti e la valorizzazione di ciascuna voce all’interno del gruppo sono il punto di forza che hanno voluto trasmettere.

Uno dei nostri obiettivi – asserisce Aldo Costa, membro del gruppo – è avvicinare la generazione dei giovani tra i venti e i trent’anni alla politica attraverso proposte di tematiche ed eventi.

Riportiamo l’intervento anche di Matilde Titoni, Consigliere all’interno del direttivo di Verona domani per Sona: “Penso sia importante valorizzare tanto la vita civica di ciascun cittadino, quanto il senso di appartenenza al paese in cui si vive. Il nostro gruppo è attento alle problematiche di tutta la cittadinanza, dal giovane all’anziano, dal lavoratore al disoccupato, e cerca di proporre soluzioni e alternative”.

La vice presidente Daniela Grigoli, attiva in Verona domani da sempre, afferma che il rapporto che si è instaurato tra i membri del gruppo non si fonda solamente sulla passione per la politica, ma anche e soprattutto sull’amicizia e uno spirito di coesione. “Ci troviamo settimanalmente per discutere su vari argomenti – ci illustra Grigoli: “La nostra è una politica che parte dall’ascolto della gente. Penso che faremo grandi cose”.

Flavio Bonometti (Foto Pachera)

Intervengono anche Gaetano Bellè e Gianluigi Sette, entrambi molto positivi sul rinnovamento giovanile che Progetto Comune ha avuto: “Siamo davvero orgogliosi di dare il nostro sostegno e contributo ai più giovani; il gruppo sicuramente aumenterà, permettendoci di rappresentare pienamente e con più efficacia tutte e quattro le frazioni. Non nasciamo un mese prima delle elezioni, ma ben quattro: questo testimonia la continuità con quanto fatto fino a oggi”.

In ‘Verona domani per Sona’ ci espone Beatrice Costa – è confluito il progetto che avevamo pensato con Nicolò ancora l’anno scorso, cioè Articolo 49. Ora è strutturato in qualcosa di più grande.

Compiuto un passo indietro per permettere a Ferrari di costruirsi la propria leadership politica, Flavio Bonometti si ritiene soddisfatto e fiero delle scelte fatte e di questo primissimo risultato.

Finalmente si può dare una valida alternativa sia all’attuale Amministrazione sia ad altri partiti politici. Un’alternativa né teorica né fondata su vari e personali interessi, come questa Amministrazione sta facendo e che noi, in qualità di opposizione, affronteremo – chiosa Bonometti -. Questo gruppo nasce ben prima delle elezioni; una testimonianza del fatto che ciò che viene affrontato non è dettato da una imminente campagna elettorale, ma da un prioritario interesse per il territorio.

Gianmaria Busatta

About Gianmaria Busatta

Nato nel 1994 e residente a Lugagnano, ha conseguito la maturità presso il liceo classico Don Mazza (VR), è laureato in Economia e commercio ed in Banca e Finanza presso l'Università degli studi di Verona, lavora presso la società di revisione Deloitte & Touche. Grande interesse per eventi culturali e politici, ha come passione più forte il cinema. Ha frequentato il corso Tandem "Cinema e letteratura" presso l'Università di Verona e diversi seminari sulla cinematografia presso la Biblioteca Civica di Verona.

Related posts