Politica a Sona. Elena Catalano si dimette da consigliere: “Lascio spazio ai nuovi eletti, sperando in un nuovo impulso per la squadra”

Si tratta di una vigilia alquanto singolare quella del primo consiglio comunale a Sona, che verrà costituito oggi alle ore 19: dopo una mozione firmata dal consigliere di minoranza Carlo Antonio Mazzola sulla titolazione di una via a Berlusconi, si registra già una defezione dalle fila della maggioranza del neo-sindaco Gianfranco Dalla Valentina.

Elena Catalano (nella foto di Mario Pachera) ieri, infatti, ha presentato le dimissioni con effetto immediato dalla carica di consigliere comunale.

Non voglio mettere in imbarazzo, ma neppure sentirmi in imbarazzo: ho semplicemente scelto – afferma Elena Catalano al Baco ­– E come ogni inizio sarà un’opportunità per nuove strade da percorrere. Dopo dieci anni da amministratore e di intenso impegno (durante le due amministrazioni di Gianluigi Mazzi ha ricoperto la carica di assessore per sei anni e un anno anche la carica di vicesindaco, NdR) desidero lasciare spazio agli eletti affiancati da colleghi che hanno maturato esperienza sul campo”.

Spero sia un nuovo impulso per la neoformata squadra e per l’intero consiglio comunale – continua Catalano –, a cui auguro di lavorare guardando sempre al vero bene comune, e a costruire per la comunità, che merita il meglio possibile. Nutro un sincero sentimento di gratitudine – conclude Catalano – verso i dipendenti comunali, tutte le persone e i cittadini che ho incontrato e con cui ho lavorato in questi ultimi dieci anni”.

Elena Catalano alle ultime elezioni ha raccolto 92 preferenze, risultando la candidata più eletta nella lista “Insieme per Sona” all’interno della coalizione di Dalla Valentina. Al suo posto subentrerà Mirco Amali, classe 1985, appartenente alla medesima lista.

Gianmaria Busatta
Nato nel 1994 e originario di Lugagnano, scrive per il Baco dal 2013. Con l'impronta del liceo classico e due lauree in economia, ora lavora con numeri e bilanci presso una società di servizi. Nel (poco) tempo libero segue con passione la politica e la finanza e non manca al suo inderogabile appuntamento con i nuovi film al cinema (almeno) due volte a settimana. E' giornalista pubblicista iscritto all'ordine dei giornalisti del Veneto.