Perchè nel Comune di Sona dobbiamo convivere con la totale mancanza di manutenzione?

Ascolta questo articolo

Perché a Sona ormai è qualche anno che siamo destinati ad avere quasi ogni luogo pubblico desolatamente abbandonato? Perché ogni aiuola e ogni rotonda è perennemente infestata da erbacce, piante rinsecchite, immondizia ed incuria? Perché metà dei marciapiedi della nostre frazioni sono sconnessi e maltenuti? Perché le fioriere comunali sembrano abbandonate a loro stesse da decenni? Perché le strade sono sporche?

Possibile che appena ci si sposta nei paesi limitrofi si trovano aiuole ben tenute, rotonde fiorite, piste ciclabili praticabili, e appena si entra nei confini del nostro Comune l’immagine che se ne ricava è quello che uno stato di totale abbandono? Per averne un’idea – ma gli esempi sarebbero infiniti – basta vedere la nuova rotonda in località Mancalacqua a Lugagnano: ormai le erbacce hanno raggiunto i due metri di altezza!

La quasi assenza totale di manutenzione da parte del Comune non può essere sempre e solo giustificata dai nostri amministratori con una carenza di fondi. Quello che appare evidente è invece una carenza di pianificazione e programmazione, che porta alla desolazione e all’abbandono che i cittadini di Sona purtroppo hanno tutti i giorni sotto gli occhi.

Gli spazi pubblici sono i luoghi dove si esplica la vita comunitaria di una popolazione, e non è tollerabile che invece diventino veri e propri monumenti all’incuria. Anche un’aiuola fiorita, una pista ciclabile praticabile e un marciapiede manutenuto danno il segno della civiltà di un territorio.