Per non dimenticare, il Giorno della Memoria a Sona

Ascolta questo articolo

Martedì 27 gennaio l’Amministrazione Comunale di Sona celebra la ricorrenza del Giorno della Memoria mediante la proiezione del film “Il giardino dei Finzi-Contini” di Vittorio De Sica (nell’immagine una scena del film).

 

La proiezione sarà preceduta da un intervento di inquadramento storico a cura del Prof. Luciano Giovedì (docente di Storia).



La proiezione avrà luogo alle ore 20.30 presso il Teatro Parrocchiale di Sona. Per informazioni è possibile telefonare all’Assessorato alla Cultura del Comune di Sona 045/6091286.

 

Il film narra la storia della ricca e altolocata famiglia ebrea Finzi-Contini ma soprattutto dell’Io narrante, chiamato Giorgio nel film (Lino Capolicchio), appartenente alla media borghesia ebraica ferrarese e innamorato di Micòl Finzi-Contini (Dominique Sanda), figura enigmatica, distante e affascinante, sullo sfondo delle leggi razziali, della guerra imminente e della vita di provincia.

 

Il soggetto, tratto dal Romanzo omonimo di Giorgio Bassani, sviluppa in maniera approfondita il clima di passività e annichilimento delle comunità borghesi italiane di religione ebraica, profondamente legate agli ideali liberali dell’Italia prefascista e semplicemente incredule della possibilità di venire realmente perseguitate nel loro stesso paese per la sola ragione di un credo differente.

 

L’epilogo drammatico della deportazione di Micol e di tutta la sua famiglia, cui solo si sottrae il fratello Alberto (Helmut Berger), ucciso da una malattia giovanile e sepolto in una struggente scena nella cappella monumentale della Famiglia, livella definitivamente in un certo senso le differenze sociali tra i Finzi-Contini ed il resto della comunità ebraica ferrarese, accomunandoli tutti nell’orrore della deportazione e della morte in campo di concentramento.

 

La pellicola vinse l’Orso d’Oro al Festival di Berlino nel 1971 e il Premio Oscar come miglior film straniero nel 1972.